Moglie e figli di miliziani nel campo di al-Hol nella provincia di Hasakeh
FRANCIA / SIRIA
16.09.2019 - 11:370

Le famiglie dei jihadisti francesi accusano Parigi di omissione di soccorso

Alcune mogli dei miliziani islamisti trattenute in campi curdi in Siria con i loro figli invocano il rimpatrio

PARIGI / DAMASCO - Una decina di famiglie di jihadisti composte da donne e bambini francesi trattenuti nei campi curdi in Siria hanno denunciato il ministro degli Esteri francese, Jean-Yves Le Drian, per «omissione di soccorso», rifiutando di rimpatriarli in Francia: è quanto riferiscono fonti concordanti citate dalla stampa francese.

Le denunce sono scattate tra luglio e settembre presso la Corte di Giustizia della Repubblica, l'unica istituzione giudiziaria che in Francia è competente per processare i membri del governo. Il capo della diplomazia francese viene accusato, in particolare, di opporsi al rimpatrio di queste mogli e di questi bambini di jihadisti con passaporto francese trattenuti nei campi curdi della Siria, anche se sono considerati in «situazione di pericolo».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-15 06:50:16 | 91.208.130.86