keystone-sda.ch/STF (WILL OLIVER)
Le prime manifestazioni a Downing Street.
+ 2
REGNO UNITO
28.08.2019 - 16:380
Aggiornamento : 18:33

Brexit: la regina autorizza la sospensione del Parlamento

Il provvedimento, richiesto dal premier Johnson, ha incontrato le proteste indignate dell'opposizione

LONDRA - La regina Elisabetta II ha approvato la richiesta del governo britannico di sospendere l'attività del Parlamento a partire da una data compresa tra il 9 e il 12 settembre e fino al 14 ottobre. Lo riferisce la Press Association.

Il provvedimento, voluto dal premier Boris Johnson, potrebbe ostacolare gli sforzi dei parlamentari che puntano ad evitare una Brexit senza accordo tra Londra e l'Unione europea. Johnson si è infatti impegnato a uscire dall'UE con o senza un accordo il 31 ottobre, poco dopo la nuova data di riapertura dei lavori parlamentari.

La richiesta di sospensione del Parlamento ha suscitato vive proteste da parte dell'opposizione. Il leader laburista, Jeremy Corbyn, ha chiesto un incontro «urgente» con la regina. Il presidente del Parlamento, John Bercow, ha definito la mossa di Johnson un «oltraggio costituzionale».

Manifestazione fuori da Downing Street - Manifestanti contrari alla sospensione dell'attività del parlamento britannico si stanno riunendo nel Regno Unito in risposta alla decisione del primo ministro Boris Johnson. Le foto dei circuiti internazionali mostrano un assembramento di persone a Downing Street.

Tra queste, uno vestito da Boris Johnson che scava una tomba con la lapide «Democrazia britannica, riposa in pace». Altre manifestazioni improvvisate organizzate sui social media, riferisce la Bbc, si terranno in serata a Manchester ed Edimburgo.
 
 

keystone-sda.ch/STF (Frank Augstein)
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
miba 3 mesi fa su tio
E dopo l'uscita dall'UE rottamare anche la regina che tanto più che ciucciare soldi ai contribuenti non fa
Summerer 3 mesi fa su tio
@miba La Regina non "ciuccia" nulla (italiano bye bye). Paga le tasse, promuove il turismo ed è il simbolo dell'Unione della Grand Bretagna e del Commonwealth intero. Al posto che insultare pubblicando fake news, la prossima volta porta fatti e cifre.
pillola rossa 3 mesi fa su tio
@miba Quello che fa la regina con i contribuenti è affare loro, ma conferire un titolo per diritto di nascita a mio modo di vedere è anacronistico. Il sangue blu e tutto ciò che ne è correlato è un insulto all'intelligenza.
miba 3 mesi fa su tio
@Summerer Quanto costa la regina agli Inglesi? Quanto costa la casa reale agli Inglesi? Usa il tuo telefonino e/o pc per aprire Google (e/o altri motori di ricerca), leggi differenti fonti, confrontale, guarda magari anche il ruolo OGGETTIVO ed ATTUALE della regina e di tutto il suo parentado, fai le tue considerazioni OGGETTIVE in merito e poi semmai torna a scrivere, cosa ne pensi?
Bluechips 3 mesi fa su tio
@miba La Regina è il Capo di Stato della Gran Bretagna e come tale svolge da ormai oltre sessant'anni un ruolo di mediazione e garante della democrazia britannica che data dalla Magna Carta del 1215 (quindi più antica di quella svizzera). La Regina crea un indotto miliardario per le casse dello stato grazie alla sua persona che di certo è scevra da qualsiasi scandalo (quello di alcuni membri della sua famiglia è spesso montato ad arte dal giornalismo più scandalistico). L'appannaggio che riceve è destinato non tanto alla sua persona, ma piuttosto al mantenimento delle numerose proprietà in cui si muove, che sono statali e non sue, oltre che ai costi che qualunque capo di stato percepisce. Va pure detto, che al di là delle spese abilmente presentate come se fossero sue personali, la Regina è molto amata dal suo popolo che non la sostituirebbe mai con i vari fantocci della politica che giornalmente ci propinano le loro pochezze perlopiù basate sulla pochezza del loro intelletto.
Bayron 3 mesi fa su tio
Grande!!!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 02:26:11 | 91.208.130.86