Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
MESSICO
15 min
Carovana dei migranti: in più di mille entrano in Messico
Hanno approfittato del basso livello delle acque del Rio Suchiate. Si dicono decisi ad arrivare negli Stati Uniti
MONDO
20 min
La Somalia è il paese più corrotto al mondo
Nella classifica si è piazzata all’ultimo posto su 180 nazioni. La Svizzera invece appena giù dal podio
ITALIA
1 ora
Prendeva a pugni persone a caso: arrestato senzatetto nato in Svizzera
Il 48enne è ritenuto colpevole di una serie di aggressioni avvenute a Milano negli ultimi anni
TURCHIA
3 ore
Sputò sulla pizza: fattorino rischia 18 anni di carcere
A incastrarlo sono state le telecamere di sicurezza del palazzo in cui l'ha consegnata. L'accusa è di avvelenamento
CINA
3 ore
Coronavirus, i morti salgono a 25: Pechino annulla il Capodanno
Sono più di 1400 i casi esaminati dalle autorità sanitarie
REGNO UNITO
3 ore
"Order!": l'ex "speaker" della Camera britannico accusato di mobbing
A puntare il dito contro di lui è un ex collega. Avrebbe vessato e umiliato il suo staff. Lui nega. A rischio il suo titolo nobiliare
GERMANIA
4 ore
Scuolabus finisce fuori strada, morti due bambini
Feriti gli altri studenti delle elementari e il conducente. Forse il ghiaccio all'origine dell'incidente
CINA
5 ore
«Il misterioso coronavirus arriva da un serpente»
La tesi di un team di ricerca non fa l'unanimità nella comunità scientifica. Il picco dell'epidemia potrebbe arrivare a marzo
NUOVA ZELANDA
5 ore
Confermata la morte dei due dispersi a White Island
Il bilancio delle vittime dell'esplosione del vulcano Whakaari sale così a 20
FOTO
SPAGNA
8 ore
La tempesta Gloria fa 7 morti, allerta in Francia
Due fiumi sono già esondati e 1500 persone sono state evacuate
AUSTRALIA
8 ore
Precipita aereo antincendio, tre morti
Le vittime sono cittadini statunitensi impegnati nelle operazioni di spegnimento dei roghi nel Nuovo Galles del Sud
CANADA
8 ore
Multa di 196,5 milioni di dollari a Volkswagen
Un tribunale di Toronto si è espresso contro il colosso automobilistico tedesco sul caso Dieselgate
FOTO
STATI UNITI
9 ore
Sparatoria a Seattle, un morto e sette feriti
Il presunto autore è ricercato dalla polizia
AUSTRALIA
9 ore
Australiani senza pace. Prima gli incendi, poi la pioggia, ora i ragni
La situazione meteo degli ultimi giorni ha creato le condizioni ideali per il proliferare dei ragni dei cunicoli, fra i più velenosi al mondo. Gli esperti invitano alla prudenza
CINA
18 ore
Da Wuhan non si parte più
Bloccati treni e aerei per contrastare la diffusione dell'epidemia di coronavirus
REGNO UNITO
19 ore
Brexit: sì finale del Parlamento all'accordo
È così stata aperta definitivamente la via all'uscita del paese dall'Unione europea
STATI UNITI
20 ore
Tesla supera Volkswagen: ora vale più di cento miliardi di dollari
La casa automobilistica di Elon Musk è seconda al mondo per valore, dopo Toyota
ITALIA
20 ore
Liliana Segre dice addio agli studenti
Per questioni di età, non andrà più nelle scuole. Ma il figlio assicura: «Continuerà a testimoniare la sua esperienza»
REGNO UNITO
28.08.2019 - 11:090
Aggiornamento : 14:00

Brexit: Boris Johnson chiederà di sospendere il parlamento

L'obiettivo del premier sarebbe quello di non lasciare ai deputati il tempo di bloccare un'uscita dall'Ue senza accordo

LONDRA - Il governo britannico chiederà alla Regina di sospendere il Parlamento pochi giorni dopo il rientro dei parlamentari dalla pausa estiva e solo qualche settimana prima della scadenza della Brexit il 31 ottobre: lo riporta la Bbc.

La nuova amministrazione di Boris Johnson, scrive l'emittente, punta a far tenere un Discorso della Regina il 14 ottobre in cui la monarca presenterebbe i futuri piani del governo. Questo significa anche che difficilmente i parlamentari avrebbero tempo a sufficienza per bloccare un 'no deal' voluto dal premier.

L'opposizione insorge - La notizia ha scatenato dure reazioni dalle opposizioni. La prima ministra scozzese Nicola Sturgeon ha twittato: «Sembra che Boris Johnson stia per chiudere il Parlamento ed imporre una Brexit senza accordo. A meno che i parlamentari si uniscano per fermarlo, la prossima settimana, oggi verrà ricordato come un giorno nero per la democrazia britannica».

«Johnson ha appena lanciato il guanto di sfida alla democrazia parlamentare. La madre di tutti i parlamenti non gli permetterà di escludere il parlamento dalla più importante decisione per il nostro Paese. Risponderemo alla sua dichiarazione di guerra con un pugno di ferro», ha twittato il responsabile per la Brexit dei Liberaldemocratici Tom Brake.

La deputata laburista Yvette Cooper scrive: «Sta tentando di usare la Regina per concentrare il potere nelle sue mani. È un modo molto pericoloso ed irresponsabile di governare».

Bercow: da Johnson un «oltraggio» - «Se verrà confermata la notizia sulla sospensione del Parlamento, si tratta di un oltraggio costituzionale. Non importa come la si presenta, è ovvio che il fine sarebbe quello di impedire al parlamento di dibattere la Brexit e fare il proprio dovere nel modellare la strada per il Paese... chiudere il parlamento sarebbe un'offesa al processo democratico e ai diritti dei deputati»: lo ha dichiarato il presidente della Camera dei Comuni britannica John Bercow, citato dai media d'oltremanica.

Aggiornamento delle 12.30: avanzata la richiesta formale - Il primo ministro britannico Boris Johnson ha formalmente chiesto la sospensione dei lavori parlamentari da metà settembre fino a lunedì 14 ottobre.

«Questa mattina ho parlato con Sua Maestà, la Regina, per chiedere la conclusione dell'attuale sessione parlamentare nella seconda settimana di settembre, prima di iniziare la seconda sessione di questo Parlamento con un discorso della Regina lunedì 14 ottobre», scrive Johnson in una lettera di due pagine indirizzata ai parlamentari.

«Un elemento centrale del programma legislativo sarà la priorità legislativa assoluta del Governo - se un nuovo accordo è in arrivo al Consiglio europeo - per introdurre un disegno di legge sull'uscita» dall'Ue «e procedere spediti per garantire la sua approvazione prima del 31 ottobre», scrive il premier. «Riconosco in pieno che il dibattito sul discorso della Regina sarà un'opportunità per i membri del Parlamento di esprimere il proprio parere su questa agenda legislativa del governo e sul suo approccio verso il consiglio europeo del 17 e 18 ottobre».

Johnson ha negato che la sua decisione miri a indirizzare la Brexit verso l'epilogo 'no-deal'. L'iter prospettato, secondo il primo ministro, garantirebbe al Parlamento «tempo sufficiente prima e dopo il Consiglio europeo per ulteriori questioni relative alla Brexit» entro il termine del 31 ottobre.

Subito 30mila firme contro la chiusura - Vola verso le 30mila firme, raccolte in poche ore, una petizione sul sito del Parlamento del Regno Unito che chiede al governo di non sospendere il Parlamento qualche settimana prima della scadenza della Brexit il 31 ottobre. Le firme aumentano di minuto in minuto, come si può vedere sulla pagina web della petizione. Il governo deve rispondere a tutte le petizioni che ottengono più di 10'000 firme. Con 100'000 firme, la petizione sarà presa in considerazione per il dibattito in Parlamento.

Il testo della petizione recita: «Il Parlamento non deve essere sospeso o sciolto a meno che e fino a quando il periodo dell'articolo 50 non sia stato sufficientemente esteso o l'intenzione del Regno Unito di ritirarsi dall'Ue sia stata annullata». L'articolo 50 fa riferimento al testo del Trattato di Lisbona, nella parte in cui stabilisce le modalità con cui un Paese dell'Ue può lasciare volontariamente l'Unione.

Ue: «Non commentiamo» - La Commissione europea non commenta la decisione del governo britannico di chiedere alla Regina di sospendere il Parlamento pochi giorni dopo il rientro dei parlamentari dalla pausa estiva e solo qualche settimana prima della scadenza della Brexit il 31/10.

«Non commentiamo sulla situazione politica interna di uno Stato membro e non speculiamo sul significato di questa azione», ha affermato la portavoce dell'Esecutivo Mina Andreeva.

Intanto lo sherpa britannico per la Brexit David Frost è a Bruxelles per alcuni incontri a livello tecnico e col capo di gabinetto del presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker, Clara Martinez Alverola.

Il primo ministro del Galles chiede un nuovo referendum - Il primo ministro per il Galles, Mark Drakeford, ha rinnovato la sua richiesta per un secondo referendum sulla Brexit, in risposta alle notizie in merito all'intenzione del governo di sospendere il Parlamento qualche settimana prima della scadenza della Brexit il 31 ottobre.

«Boris Johnson ha combattuto una campagna referendaria per rimettere il potere nelle mani del Parlamento, e ora vuole che la Regina chiuda le porte della nostra democrazia. Le intenzioni della campagna del Leave si stanno svelando. È tempo di rimettere la questione al popolo», ha scritto Drakeford su Twitter.

Aggiornamento 13.53 - 100 mila firme contro chiusura del Parlamento - Ha superato le 100 mila firme la petizione sul sito del Parlamento del Regno Unito che chiede al governo di non sospendere il Parlamento qualche settimana prima della scadenza della Brexit il 31 ottobre. In poco più di un'ora, la richiesta è passata da 14 mila a oltre 100 mila sottoscrizioni.

La pagina web dell'istanza ricorda che con 100'000 firme, la petizione sarà presa in considerazione per un dibattito in Parlamento.
 
 
 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-23 15:54:43 | 91.208.130.85