Keystone
Trump (sinistra) con il presidente francese Macron
FRANCIA
26.08.2019 - 10:060

Trump e il ministro degli Esteri iraniano a Biarritz: «È troppo presto per incontrarlo»

Il presidente americano ha però assicurato che gli Stati Uniti non puntano «a un cambio di regime in Iran»

BIARRITZ - «È troppo presto per incontrare (Mohammad Javad) Zarif, non voglio incontrarlo ora». Lo ha detto il presidente degli Usa Donald Trump, commentando la visita a sorpresa a Biarritz (F), a margine del vertice dei G7, del ministro degli esteri iraniano.

«Sapevo che sarebbe venuto e rispetto il fatto che sia venuto. Ho una relazione molto buona con (il presidente francese Emmanuel) Macron, che me lo ha chiesto. Io non lo considero per nulla irrispettoso». Così Trump ha risposto ai giornalisti che chiedevano se Macron lo avesse informato dell'arrivo di Zarif.

«Non puntiamo a un cambio di regime» - «Non puntiamo ad un cambio di regime in Iran», ha poi assicurato Trump. «Vogliamo che l'Iran torni ad essere ricco», ha aggiunto parlando prima dell'incontro con il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi a margine del vertice dei G7.

Zarif in Cina dopo l'incontro con Macron - Il ministro degli esteri iraniano Mohammad Javad Zarif è intanto partito stamani per la Cina, in una nuova tappa del suo tour diplomatico internazionale per cercare di salvare l'accordo sul nucleare di Teheran e rafforzare le relazione bilaterali della Repubblica islamica.

Il ministro ha definito «difficile la strada» da percorrere, aggiungendo però che «vale la pena tentare». Dopo la Cina, dove secondo l'agenzia di stampa iraniana Irna incontrerà il suo omologo locale, Zarif si recherà in Giappone e Malesia.
 
 


 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-01 15:34:40 | 91.208.130.89