Keystone (archivio)
La struttura, un colosso da 21’500 tonnellate per 144 metri di lunghezza, partirà domani da Murmansk.
RUSSIA
23.08.2019 - 07:290

La centrale atomica galleggiante in partenza per l'Artico

La Akademik Lomonosov percorrerà un viaggio di 5000 chilometri. Preoccupati gli ambientalisti che temono una «Chernobyl galleggiante»

MURMANSK - La Akademik Lomonosov, la prima centrale atomica galleggiante, partirà domani da Murmansk alla volta di Pevek: un viaggio di 5000 chilometri da ovest a est lungo tutto l'Artico russo.

A Pevek, nell'estremo nord-est della Russia, la Akademik Lomonosov fornirà energia ad abitazioni ed impianti industriali e minerari. La centrale suscita profonda preoccupazione tra gli ambientalisti, che temono possa trasformarsi in una «Chernobyl galleggiante». La Akademik Lomonosov è un colosso di 21'500 tonnellate, è lunga 144 metri e larga 30. È dotata di due reattori da 35 megawatt ciascuno.

Il progetto punta a rendere possibili le forniture di energia a luoghi remoti, ma alcuni esperti ritengono che il suo costo sia eccessivo. L'agenzia atomica russa Rosatom sostiene che la Akademik Lomonosov sia estremamente sicura.

Ma gli ambientalisti non sono d'accordo: temono che centrali nucleari di questo tipo siano vulnerabili ai disastri naturali, ma anche che possano essere vendute a Paesi con standard di sicurezza piuttosto bassi. Alcuni Stati dell'Asia, dell'Africa e dell'America Latina sarebbero infatti interessati al progetto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Bayron 10 mesi fa su tio
Ecco l’arroganza russa governata da un nano tanto megalomane quanto pericoloso!!
negang 10 mesi fa su tio
In pratica un generatore portatile nucleare. In mare direttamente .. se c'è una perdita siamo fritti tutti. E bravi ! Complimenti.
negang 10 mesi fa su tio
Dai Russi ci si possono aspettare solo controlli rigorosi ed estrema attenzione per la natura. Chi po' affermare il contrario ? Siamo in una botte de fero !!!
marcopolo13 10 mesi fa su tio
Cercarsela col lanternino proprio... mah.
Spirito1 10 mesi fa su tio
...mi raccomando... vedete di combinare un altro disastro..
Corsica 10 mesi fa su tio
Ed ecco l'inizio della fine!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-12 16:33:05 | 91.208.130.86