Keystone
GERMANIA
25.07.2019 - 12:000

Bufera sui voli di lavoro dei funzionari tedeschi

In una Germania sempre più attenta al tema del riscaldamento globale, turbano in particolare i numeri della tratta Berlino-Bonn

BERLINO - 229'116: tanti sono stati i biglietti di aereo acquistati per altrettanti voli nazionali per ragioni di servizio dalla pubblica amministrazione tedesca, prevalentemente per una "navetta" tra la capitale Berlino e la vecchia capitale della Repubblica federale di Germania Bonn. Die Welt cita questa cifra ragguardevole di voli che non è completa in quanto qualche ministero non ha comunicato i propri dati e che comunque, si legge nel rapporto, nei primi mesi del 2019 sono aumentati.

Il problema sta nella struttura federale della Germania, in base alla quale le istituzioni non sono centralizzate nella capitale, ma sono sparse per il Paese: per esempio, le sedi della Bundesbank o della Corte costituzionale non si trovano a Berlino. Ma ovviamente, la politica si fa a Berlino: per questo per i funzionari tedeschi è un continuo viaggiare. E farlo in aereo è «il modo di viaggiare più dannoso per il clima», sottolinea la Welt secondo cui «almeno per i viaggi interni ci sono alternative ecocompatibilI», come il treno. Che però in Germania è proprio caro.

La rotta da Berlino a Bonn è quella più battuta ministeri ruolo speciale, perché tutti i ministeri hanno due uffici, uno a Berlino e uno a Bonn. Solo i dipendenti del dipartimento per la Cooperazione e lo sviluppo economico nello scorso anno hanno volato su questa rotta ben 4490 volte.

Il tragitto di 600 km tra le due città richiede circa 6,5 ore di viaggio in auto, 5 in treno e poco più di un'ora in aereo.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-06 00:54:19 | 91.208.130.86