Keystone - foto d'archivio
ITALIA / FRANCIA
13.07.2019 - 10:240

«Parigi premia Carola, ma ignorò il suo SOS»

Il Viminale mostra due mail della Rackete che scriveva: «Ho inviato numerose richieste di POS. Le nostre richieste sono rimaste senza risposta»

ROMA - «Il Comune di Parigi premia Carola Rackete, mentre la portavoce del governo Macron, Sibeth Ndiayel, aveva bollato come "non accettabile" il comportamento del ministro dell'Interno italiano Matteo Salvini nei confronti della comandante della SeaWatch3. Eppure la Francia aveva ignorato le richieste della nave ong. E più di una volta. Niente porto sicuro e zero risposte alle mail di Rackete».

È quanto spiegano fonti del Viminale, che aggiungono: «A denunciarlo è proprio Carola, nei giorni in cui aveva fermato la nave all'ingresso delle acque territoriali italiane».

«In due mail - proseguono fonti del Viminale - indirizzate a Roma, una del 24 giugno alle 19,07 e l'altra il giorno successivo alle 22,57, scrive: "ho inviato numerose richieste di POS (Place of safety, il porto sicuro, ndr.) a Malta e alla Francia e ho provato a coinvolgere gli Stati di bandiera nel coordinamento del POS. Finora nessun risultato". E poi, il giorno successivo: "Le nostre richieste di POS inoltrate a Malta sono state declinate, quelle inviate alla Francia rimaste senza risposta".
 
 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-16 13:59:02 | 91.208.130.89