Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FOTO
INDIA
1 ora
Nuova Dehli senza ossigeno: anche oggi scuole chiuse
Per tentare di combattere l'emergenza le autorità stanno installando torri anti-smog e pensano ai mezzi pubblici alimentati a idrogeno
AUSTRIA
1 ora
Sottufficiale austriaco sbranato dai propri cani
Il tragico fatto è avvenuto in caserma. Il militare era entrato nel recinto dei suoi pastori belgi Malinois
TURCHIA
2 ore
Il jihadista americano bloccato nella "terra di nessuno" andrà negli Stati Uniti
Lo ha reso noto il ministero dell'interno turco. L'uomo era stato espulso verso la Grecia, che l'aveva tuttavia respinto
TURCHIA
2 ore
Divieto d'espatrio per la moglie del fondatore dei Caschi Bianchi morto a Istanbul
La donna è stata interrogata per la seconda volta per circa tre ore dagli inquirenti, ma non risulta indagata
ITALIA
3 ore
Caso Cucchi: giudici in camera di consiglio, oggi la sentenza
Alla sbarra sono cinque carabinieri, tre dei quali imputati di omicidio preterintenzionale
CINA
3 ore
In Cina si continuano a vendere meno smartphone
Il calo si è ridotto nella seconda metà dell'anno ma resta importante, con un -3,6%
ITALIA
3 ore
Caianiello intercettato mentre insultava Lara Comi: «Con questa cretina a che punto stiamo?»
Beccata anche l'ex eurodeputata, arrestata dalla Guardia di Finanza: «Oggi io dirò che non ho mai preso 17'000 euro»
STATI UNITI
3 ore
Serrato testa a testa fra gli Usa e la Cina per i dazi
La Cina punta fortemente alla rimozione di modo da concludere la guerra commerciale fra i due paesi
ITALIA
28.06.2019 - 10:360
Aggiornamento : 11:52

Sea Watch: indagata la capitana Carola Rackete

L'accusa è di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e rifiuto di obbedienza a nave da guerra

LAMPEDUSA - A 48 ore dall'ingresso nelle acque territoriali italiane, la Sea Watch resta ancora bloccata a mezzo miglio dal porto di Lampedusa e la situazione rischia di rimanere in stallo ancora a lungo.

Dal ministero dell'interno viene ribadito che la linea è sempre la stessa: l'autorizzazione allo sbarco verrà concessa solo ed esclusivamente nel caso in cui tutti i migranti a bordo vengano immediatamente ricollocati in altri paesi europei. Ma un'intesa, su questo punto, non c'è. E anche il prefetto di Agrigento, che in base al decreto sicurezza bis dovrebbe applicare le misure previste (multa fino a 50'000 euro ed eventuale sequestro della nave ai fini della confisca in caso di recidiva) al momento non si è mosso.

Una decisione verrà probabilmente presa nelle prossime ore ma è chiaro che se si decidesse di puntare al sequestro amministrativo bisognerà far scendere i migranti. E senza un accordo politico a livello europeo, dovranno essere accolti in strutture italiane. Una prospettiva che il ministro dell'interno Matteo Salvini neanche vuole prendere in considerazione.

Se lo stallo politico non dovesse sbloccarsi, restano due sole alternative. La prima è una ulteriore forzatura da parte della comandante Carola Rackete, che potrebbe tentare di entrare nuovamente in porto come già accaduto ieri. Ma questo, fanno notare fonti inquirenti e investigatori, potrebbe aggravare ulteriormente la sua posizione: la Guardia di Finanza ha inviato alla procura di Agrigento una prima informativa in cui si ipotizzano nei suoi confronti i reati di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e di mancato rispetto dell'ordine di arrestare l'imbarcazione da parte di una nave da guerra. Nelle prossime ore il suo nome dovrebbe finire nel registro degli indagati e, se dovesse violare nuovamente le intimazioni delle autorità, nei suoi confronti potrebbe essere ipotizzata anche la resistenza a pubblico ufficiale.

L'altra possibilità è che intervenga direttamente l'autorità giudiziaria, come già successo in passato proprio per la Sea Watch e per la Mare Jonio, con un sequestro probatorio: in quel caso la nave entrerebbe in porto e i migranti sarebbero sbarcati. Ma allo stato, sempre secondo quanto si apprende, non ci sarebbe una decisione in questo senso.

Stallo, dunque, confermato pure da Sea Watch con un tweet: «Alla nave tuttora negato l'ingresso in porto e lo sbarco delle 40 persone ancora a bordo. Un giorno di visite, interviste, aspettative e niente» ha scritto la Ong ricordando che la scorsa notte sono state evacuate due persone, un ragazzo con problemi medici e un minore che viaggiava con lui.

Indagata la capitana - La capitana della Sea Watch3, Carola Rackete, è stata iscritta nel registro degli indagati per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e per rifiuto di obbedienza a nave da guerra, secondo quanto previsto dal codice della navigazione. L'iscrizione nel registro degli indagati, da parte della Procura di Agrigento, è stata fatta dopo l'acquisizione dell'annotazione della Guardia di finanza.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-14 13:39:39 | 91.208.130.85