ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
9 min
I treni lombardi «vecchi e sporchi» potrebbero aver facilitato la diffusione del coronavirus
Lo ha dichiarato la virologa Ilaria Capua durante la trasmissione tv "diMartedì"
ITALIA
1 ora
Insulti e minacce, il Presidente della Regione Lombardia è sotto scorta
È una misura precauzionale decisa dalla prefettura varesina
AUSTRALIA
2 ore
Acque mosse, nave da carico perde i container in mare
È successo all'APL England, in viaggio dalla Cina verso Melbourne
MONDO
2 ore
Un'estate senza viaggi all'estero? C'è chi ne beneficia
Secondo un'analisi, il settore turistico di determinati Paesi potrebbe giovare delle restrizioni ai viaggi esteri
ITALIA
2 ore
Volo di Stato per salvare una donna incinta malata
Due sacche di plasma autoimmune sono state portate con estrema urgenza da Pavia a Palermo
MONDO
3 ore
Coronavirus, superati i 350'000 morti nel mondo
Per il terzo giorno consecutivo gli Stati Uniti hanno registrato meno di 700 morti giornalieri
STATI UNITI
3 ore
Twitter "corregge" Trump per la prima volta
La società ha utilizzato l'avviso di "verificare i fatti". «Le dichiarazioni sono prive di fondamento».
PAKISTAN
3 ore
Il Pakistan si prepara all'invasione di locuste
Il Paese dispiegherà aerei carichi di pesticida che verrà spruzzato nelle regioni più colpite
INDIA
5 ore
Uccide la moglie, l'arma del delitto? Un cobra reale
E prima ci aveva già provato con una vipera, l'uomo è finito in manette assieme a un amico accchiappaserpenti
FRANCIA
11 ore
L'uomo misterioso che apre i parchi parigini
L'uomo, conosciuto solo con lo pseudonimo "José", ha già molti fan nella capitale francese
BELGIO
11 ore
Quando anche il virologo si ammala
Il virologo belga Peter Piot ha contratto il coronavirus in marzo. E mette in guardia chi prende il virus «alla leggera»
CINA
13 ore
Quando l'app per il tracciamento resta. E ti classifica
Una città cinese non vuole mandarla in pensione dopo l'emergenza, ma potenziarla. L'idea non piace a tutti.
ITALIA
13.06.2019 - 08:100

Premio Strega a Scurati, sfuma il duello con Missiroli

Con "M. Il figlio del secolo" Antonio Scurati si è aggiudicato l'ambito premio letterario. Sul podio il superfavorito Marco Missiroli si è piazzato al terzo posto. Al secondo Benedetta Cibrario.

ROMA - Lo scrittore Antonio Scurati domina con 312 voti la cinquina del Premio Strega 2019, premio letterario che viene assegnato all'autore o all'autrice di un libro pubblicato in Italia, votata stasera per la prima volta al Tempio di Adriano a Roma. Sul "podio" di questa 73esima edizione del riconoscimento vi sono tre donne.

Il suo monumentale "M. Il figlio del secolo" (Bompiani) ha ampiamente staccato quello che veniva dato fino all'ultimo per suo diretto concorrente, Marco Missiroli, superfavorito con "Fedeltà'"(Einaudi) da un anno che invece si è piazzato al terzo posto con 189 voti. Sfumato il duello, al secondo posto un po' a sorpresa è arrivata Bendetta Cibrario con 203 voti per "Il rumore del mondo" (Mondadori).

Il primo romanzo sul fascismo raccontato attraverso la storia di Benito Mussolini in oltre 800 pagine, con un approccio inedito, che rispetta le fonti storiche ma fa un ritratto romanzato del duce, ha avuto la meglio sulle disillusioni e il racconto delle disgregazioni relazionali a cui ha dato voce Missiroli.

Alla sua terza volta allo Strega, dopo aver sfiorato due volte la vittoria, Scurati, presentato da Francesco Piccolo che nel 2014 vinse superandolo di 5 voti, sembra avere davvero questa volta la vittoria tra le mani. E lo mostra anche la serenità con cui ha seguito lo spoglio dei voti.

«Credo nella letteratura come forma alta di conoscenza. Mi ha fatto enorme piacere il consenso dei lettori, c'è un gran bisogno di capire e si è manifestato" ha detto al Tempio di Adriano che è un luogo che "gli piace tantissimo, magico"».

«Sono recidivo» aggiunge poi con tono scherzoso parlando della sua terza volta allo Strega. Per 'M. Il figlio del secolo' ha fatto anni di studi e tra gli aspetti sorprendenti di Mussolini sottolinea: «Era un uomo vuoto, privo di idee, di strategie. Assecondava la folla, non la guidava. Non è un giudizio morale ma oggettivo» spiega e dice che questo libro "è il primo di una trilogia. Sto scrivendo il secondo e voglio arrivare fino a piazzale Loreto". Intanto Wildside ha acquisito i diritti per farne una serie tv.

A rallentare la corsa di Missiroli, fresco della vittoria del Premio Strega Giovani 2019, verso la conquista del premio è sicuramente anche la presenza in cinquina di un altro autore Einaudi, Nadia Terranova con il suo 'Addio fantasmi' che è arrivata quinta con 159 voti. La sua storia di una donna, Ida, che torna nella casa d'infanzia, a Messina, e si trova ad affrontare i fantasmi che hanno condizionato tutta la sua vita e la sparizione del padre 23 anni prima ha scombinato le carte in un'edizione che vede per la prima volta tra i cinque due autori dello stesso marchio editoriale.

«Tra me e Marco Missiroli non c'è nessun contrasto, è un gioco. I nostri libri sono in gara, non noi e questo vorrei che fosse chiaro e poi ognuno fa la sua gara. Sono una scrittrice, non una stratega», ha sottolineato Terranova, nata a Messina nel 1978 ma che vive a Roma. «Sono felicissima di essere qui. Ho fatto questo Strega da outsider, è stato il libro a trascinarmi qui, non il contrario. Credo che il mio libro sia piaciuto perché mi sono scorticata per scriverlo. È un romanzo nudo nel raccontare il dolore insanabile».

Super felice Benedetta Cibrario, già vincitrice del Campiello con Rossovermiglio, che con il secondo posto a "Il rumore del mondo" (Mondadori) regala così una tripletta al Gruppo Mondadori. «C'è molta gioventù nel mio romanzo. Il Risorgimento lo hanno fatto i giovani. Ci ho messo quattro anni per scriverlo. È la storia in fondo di un matrimonio che non funziona, di generazioni che si incontrano. Quel periodo mi ha affascinata perchè si è preparata una consapevolezza nel fare politica, nello svecchiare il paese» dice la scrittrice che vive a Londra e nel suo libro ci mostra uno sguardo non convenzionale sul Risorgimento tra Inghilterra e Piemonte.

Nella battaglia all'interno de La Nave di Teseo, che a sua volta aveva due autori in lizza ha prevalso su Mauro Covacich e il suo "Di chi è questo cuore", Claudia Durastanti con "La straniera", un'educazione sentimentale contemporanea che racconta cosa significa sentirsi sempre stranieri. Su un totale di 660 aventi diritto al voto hanno espresso tre preferenze in 592, per una percentuale dell'89,69%. A presiedere il seggio, Helena Janeczek, vincitrice del Premio Strega 2018 in un'atmosfera al Tempio di Adriano che è stata molto apprezzata.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-27 11:12:31 | 91.208.130.89