Keystone
L'incontro a Blaj
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
20 min
Trump perdona quattro condannati
Gli uomini, coinvolti in casi di truffa e corruzione, possono tornare in libertà
CINA
1 ora
Fabbrica pronta in 6 giorni: produrrà 250mila mascherine al giorno
Nuovo exploit a Pechino per contenere il contagio da coronavirus. I lavori saranno conclusi entro sabato
REGNO UNITO
2 ore
Gigatagli in casa Hsbc: verranno licenziati 35'000 dipendenti
Il maxipiano verrà attuato in due anni e interesserà soprattutto filiali in Usa e Ue. L'esperto: «Colpa dei manager troppo ottimisti»
FOTO
SOMALIA
2 ore
Milioni di dollari in aiuti per l'invasione di locuste
Ad aiutare Somalia, Etiopia e Kenya versamenti a sei zeri anche da parte di Svizzera e Stati Uniti
DANIMARCA
3 ore
Condannata l'impiegata statale danese che rubò 17 milioni in 25 anni
Avrebbe dovuto girarli ad associazioni benefiche: «Bastava aggiungere il proprio numero di conto e andarsene alle Bahamas»
STATI UNITI
3 ore
Stava pulendo una pistola, parte un colpo e uccide il suo migliore amico
L'incidente è avvenuto domenica scorsa nell'Oklahoma. La vittima aveva 21 anni
STATI UNITI
4 ore
Weinstein, ora tocca alla giuria
Scintille tra la procura e il legale dell'ex produttore per un articolo apparso su Newsweek
DANIMARCA
6 ore
Assistente sociale a processo: per 25 anni avrebbe rubato fondi dei bisognosi
La donna è accusata di aver sottratto poco meno di 17 milioni di franchi
GRECIA
7 ore
Greci in piazza contro la riforma delle pensioni: «È la continuazione dell'austerità»
Chiesti nuovi sacrifici ai lavoratori ellenici per rendere sostenibile il sistema previdenziale fino al 2070
ROMANIA
02.06.2019 - 17:200

Papa Francesco chiede scusa ai rom per le discriminazioni subite

«I cristiani, anche i cattolici, non sono estranei a tanto male», ha affermato il pontefice incontrando la comunità di Blaj

BLAJ - Un nuovo 'mea culpa' del Papa a nome della Chiesa. Questa volta la richiesta di perdono è rivolta ai Rom per le «discriminazioni», le «segregazioni» e i «maltrattamenti» subiti. Un gesto senza precedenti per la Chiesa.

Francesco, incontrando la comunità Rom di Blaj, in Romania, ha confessato di portare «un peso nel cuore»: «La storia ci dice che anche i cristiani, anche i cattolici, non sono estranei a tanto male. Vorrei chiedere perdono per questo. Chiedo perdono - ha detto -, in nome della Chiesa al Signore e a voi, per quando, nel corso della storia, vi abbiamo discriminato, maltrattato o guardato in maniera sbagliata, con lo sguardo di Caino invece che con quello di Abele».

Il pontefice chiude con questo gesto la visita di tre giorni in Romania. In mattinata aveva beatificato, sempre a Blaj, chiamata 'piccola Roma' per la sua alta percentuale di cattolici soprattutto di rito orientale, sette vescovi morti in carcere durante il regime comunista. Francesco condanna le dittature e i regimi che definisce «atei» ma non cita mai la parola 'comunismo'.

Non è la prima volta che il Papa incontra i nomadi e per loro ha sempre avuto parole di accoglienza e condivisione. Aveva invocato per loro il rispetto delle società ma aveva anche chiesto loro di condividere i doveri per una convivenza pacifica.

Oggi invece ha fatto un passo in avanti chiedendo scusa per tutte le volte in cui «non siamo stati capaci di riconoscervi, apprezzarvi e difendervi nella vostra peculiarità. A Caino non importa il fratello. È nell'indifferenza che si alimentano pregiudizi e si fomentano rancori. Quante volte giudichiamo in modo avventato, con parole che feriscono, con atteggiamenti che seminano odio e creano distanze! Quando qualcuno viene lasciato indietro - ha detto ancora Papa Francesco -, la famiglia umana non cammina».

E ha detto senza mezzi termini che «non siamo fino in fondo cristiani, e nemmeno umani, se non sappiamo vedere la persona prima delle sue azioni, prima dei nostri giudizi e pregiudizi». E ancora ha chiesto ai Rom di condividere con gli altri i loro valori, quelli della vita, della protezione dei più deboli, della famiglia. E fa un cenno anche sulla necessità di lasciare «cadere le barriere che ci separano dagli altri alimentando la fiducia reciproca nella paziente e mai vana ricerca di fraternità».

«Impegnarsi per camminare insieme, con la dignità: la dignità della famiglia, la dignità di guadagnarsi il pane di ogni giorno - è questo che ti fa andare avanti - e la dignità della preghiera. Sempre guardando avanti», ha concluso il pontefice.

In mattinata, sempre a Blaj, Francesco aveva presieduto la Divina Liturgia, una celebrazione di rito greco-cattolico, per la beatificazione di sette vescovi martiri. Tra i vescovi c'è anche mons. Iuliu Hossu, cardinale in pectore, ovvero nominato nel segreto da Paolo VI. Ha ricordato come alcuni regimi del passato hanno compresso fino ad annullare ogni libertà, ma ha messo in guardia anche rispetto alle «nuove ideologie», le «colonizzazioni ideologiche» che in maniera più sottile vogliono sopprimere alcuni valori come quello della vita e della famiglia.
 
 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-18 20:58:26 | 91.208.130.87