Deposit
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
GERMANIA
46 min
Hanno arrestato uno degli attentatori del Bataclan a Dresda
GIAPPONE
1 ora
Renault-Nissan: la struttura azionaria non si cambia
GERMANIA
1 ora
Omicidio Lübcke, due nuovi fermi
GERMANIA
1 ora
Angela Merkel nuovamente scossa da tremori
CINA
2 ore
Hong Kong, la sede della polizia sotto assedio per sei ore
ITALIA
3 ore
La Sea Watch è ancora ferma davanti al porto di Lampedusa
STATI UNITI
4 ore
Al via la corsa dei democratici: sorprende Castro, delude Beto
ITALIA
5 ore
Christo e il lago d'Iseo: c'eravamo tanto amati
ITALIA
13 ore
Sea Watch arriva a Lampedusa. Salvini: «Non sbarca nessuno»
AUSTRIA
14 ore
Crollo a Vienna, si cercano persone sotto le macerie
ITALIA
16 ore
Parapendio precipita sul Monte Bianco, morto il pilota
FRANCIA
16 ore
30 giorni di congedo extra al papà se il figlio neonato resta in ospedale
PAESI BASSI
16 ore
Shoah: le ferrovie olandesi pagheranno per gli ebrei deportati
AUSTRIA
17 ore
Fuga di gas, crolla una palazzina a Vienna: numerosi i feriti
ISRAELE
17 ore
Barak si candida: «Bisogna buttare giù il regime di Netanyahu»
STATI UNITI
21.05.2019 - 13:000

I millenials sono sempre più pessimisti sul futuro

Lo sostiene uno studio internazionale di Deloitte, gli sfiduciati sarebbero in media il 75%

NEW YORK - I giovani, sia i cosiddetti 'millennials', i nati tra il 1983 e il 1994, che la 'generazione Z' (tra il '95 al 2002) sono sempre più pessimisti sul futuro. Lo ha rilevato l'annuale ricerca di Deloitte, secondo cui l'economia, la società e la politica sono i settori con le prospettive più negative.

Il sondaggio ha riguardato oltre 16mila giovani di entrambe le fasce di età di 42 paesi. Solo il 26% del campione si aspetta un miglioramento dell'economia nel futuro, mentre due anni fa erano il 45%. Poco più di uno su cinque crede che la situazione politica e sociale sarà migliore nei prossimi anni, contro il 33% del 2017.

Da quest'anno il rapporto contiene anche un indice composito, che tiene conto dell'ottimismo in tutti i settori presi in esame, che ha dato un valore medio di 39 su 100 per i millennials e di 40 per i più giovani. «I millennials sono anche meno propensi delle generazioni precedenti a mettere tra le priorità comprare una casa o sposarsi - scrivono gli esperti -, mentre viaggiare e vedere il mondo è al top nella lista delle aspirazioni».

Le prime tre preoccupazioni nei due gruppi sono i cambiamenti climatici (indicati dal 29% degli intervistati), le disparità salariali e la disoccupazione. Pur essendo cresciuti con Internet, i sentimenti dei giovani sul digitale sono 'misti'. Il 71% ha un'attitudine positiva sul proprio uso dei dispositivi smart e dei social media, ma più di metà è convinto che i social facciano più danni che cose positive, mentre il 64% afferma che sarebbe fisicamente più sano se riducesse il tempo passato sul web. 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-27 11:17:47 | 91.208.130.85