Twitter/@cgil_liguria
ITALIA
20.05.2019 - 10:410

La nave saudita che trasporta armi attracca a Genova: portuali in sciopero

«Non diventeremo complici di quello che sta succedendo in Yemen». Si tratta sui materiali da caricare

GENOVA - Mentre la politica italiana rimane concentrata sullo sbarco, a Lampedusa, di 47 migranti salvati dalla nave Sea Watch e sulla conseguente rabbia di Salvini, nel porto di Genova è attraccata questa mattina la nave saudita Bahri Yanbu, sospettata di trasportare armamenti destinati a essere utilizzati nella guerra in Yemen.

Come preannunciato nei giorni scorsi, i portuali del sindacato Filt Cgil hanno avviato un presidio e uno sciopero. Anche il Collettivo autonomo lavoratori portuali (Calp) ha organizzato un presidio. «Riteniamo di dare un piccolo contributo a un problema grande per una popolazione che viene uccisa giornalmente», hanno dichiarato Enrico Poggi ed Enrico Ascheri di Filt-Cgil come riporta il Secolo XIX. «Vogliamo segnalare all’opinione pubblica nazionale e non solo che, come hanno già fatto altri portuali in Europa, non diventeremo complici di quello che sta succedendo in Yemen», hanno aggiunto. "Porti chiusi alla guerra. Porti aperti ai migranti" è il motto dei manifestanti. Altre sigle, come Fit-Cisl e Uiltrasporti, non aderiscono alla protesta.

Per il momento, l’intervento dei portuali di Genova e dei sindacati ha determinato il blocco delle operazioni di carico. In porto, intanto, si discute sul tipo di materiali che si permetterà di imbarcare, consentendo probabilmente il carico di merci di tipo civile, ma lasciando a terra un particolare tipo di generatore che potrebbe essere usato per scopi bellici. L’idea è quella di trasportarlo via terra alla Spezia. «Il porto di Genova resta chiuso alle navi delle armi», sottolineano i lavoratori della Compagnia Unica Lavoratori Merci Varie Paride Batini (Culmv).

Come segnala il Fatto Quotidiano, la richiesta dei sindacati è anche quella che il carico della Bahri Yanbu sia ispezionato.    

4 sett fa Sea Watch: 47 migranti sbarcati a Lampedusa
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-17 17:31:47 | 91.208.130.86