Keystone
Ghassan Salamè
STATI UNITI
17.04.2019 - 17:020

L'Onu condanna i missili su Tripoli: «È un crimine di guerra»

Ad affermarlo è l'inviato in Libia, che «condanna nei termini più forti il bombardamento»

NEW YORK -L'inviato dell'Onu in Libia, Ghassan Salamè, «condanna nei termini più forti il bombardamento notturno nel quartiere residenziale di Abu Slim a Tripoli, che ha provocato decine di morti e feriti tra i civili».

La missione Unsmil fa sapere come secondo fonti mediche tra i feriti ci sono donne e bambini. «L'uso indiscriminato di armi esplosive in aree civili costituisce un crimine di guerra», afferma, sottolineando che «l'uccisione di persone innocenti è una eclatante violazione delle leggi internazionali».

L'inviato speciale dell'Onu in Libia sottolinea che «la responsabilità per tali azioni non è solo degli individui che hanno commesso gli attacchi indiscriminati, ma anche potenzialmente di quelli che li hanno ordinati». Unsmil comunica che tra i civili sono stati accertati 14 morti e 40 feriti, e prevede che l'impatto catastrofico sulla popolazione civile continuerà a salire fino a quando non cesseranno le ostilità.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-27 18:52:17 | 91.208.130.85