Deposit
GIAPPONE
25.02.2019 - 16:170

Epidemia di morbillo: focolaio causato da un gruppo anti-vax

Tutti i casi nella località di Mie sono verificati in una comunità religiosa che rifiuta medicine e vaccini per «purificare il corpo»

TOKYO - Il Giappone sta affrontando la peggior epidemia di morbillo degli ultimi dieci anni con oltre 167 casi, provocata da due distinti focolai uno dei quali è legato ad un gruppo religioso che rifiuta la medicina. Lo riportano i media nipponici, secondo cui però lo stesso gruppo, Kyusei Shinkyo, avrebbe già chiesto scusa ed esortato i propri adepti a vaccinarsi.

I casi sono stati riportati in 20 prefetture su 47, riporta l'Istituto nazionale delle malattie infettive giapponese, anche se la maggior parte si concentra in quelle di Mie e Osaka. Era dal 2008 che il paese non registrava così tanti pazienti a questo punto dell'anno. Quasi tutti i 49 casi a Mie, una prefettura a est di Osaka, si sono verificati tra membri della comunità religiosa, secondo cui medicine e vaccini devono essere evitati per «purificare il corpo».

Il gruppo, riporta il New York Times, ha però già fatto ammenda. «Data la situazione inaspettata - si legge in un comunicato - seguiremo l'invito dei responsabili sanitari a fare il vaccino per il morbillo e altre malattie altamente contagiose così da non essere causa di preoccupazione per altre persone».

L'epidemia in Giappone segue quelle registrate in diversi paesi del mondo, dagli Usa alle Filippine. La scorsa settimana l'Oms ha affermato che dai dati preliminari nel 2018 potrebbe esserci stato un raddoppio dei casi rispetto all'anno precedente.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 03:51:38 | 91.208.130.85