Keystone
STATI UNITI
20.02.2019 - 11:010
Aggiornamento : 11:23

«Bullizzato» perché sostiene Trump: chiesti 250 milioni di dollari al Washington Post

Il giornale ha descritto il 16enne Nick Sandmann come contrapposto a un nativo americano. La famiglia fa causa

WASHINGTON - Il mese scorso, il video del loro incontro era diventato virale e oggetto di un acceso dibattito negli Stati Uniti. Un giovane sostenitore di Donald Trump stava in piedi impassibile di fronte a un attivista nativo americano che manifestava a Washington. Nel gesto alcuni hanno visto un irrispettoso atteggiamento di sfida, altri hanno escluso qualsiasi cattiva intenzione da parte del ragazzo.

Ora, i legali della famiglia del 16enne hanno fatto causa al Washington Post per 250 milioni di dollari per come ha riferito dell'accaduto. Secondo la querela riportata dal Post stesso, il giornale ha infatti «preso di mira e bullizzato» il giovane Nicholas Sandmann con il solo scopo di mettere indirettamente in cattiva luce Donald Trump. «Per tre giorni a partire dal 19 gennaio» il Washington Post, «facendo a gara con la CNN e la NBC», ha «attaccato, umiliato e minacciato Nicholas Sandmann, un innocente ragazzo di scuola secondaria».

Secondo la famiglia del ragazzo, il giornale l’avrebbe fatto perché Nicholas «era uno scolaro cattolico bianco che portava un cappellino con lo slogan (di Donald Trump, Ndr) “Make America Great Again”». Il Washington Post avrebbe così «ignorato gli standard di base del giornalismo perché voleva promuovere una ben nota e facilmente documentabile agenda distorta contro il presidente Donald J. Trump mettendo in dubbio (le intenzioni, Ndr) di persone percepite come suoi sostenitori».

Come riporta Usa Today, tra i sette articoli «falsi e diffamatori» contestati al Post, la famiglia di Sandmann ne cita uno in cui per esempio si legge: «Intorno a lui (all'attivista nativo americano Nathan Phillips, ndr) c'è una folla di giovani teenager prevalentemente bianchi e uno sta in piedi a una trentina di centimetri dal volto dell'uomo col tamburo con un implacabile sorrisetto sulla faccia».

Il Washington Post ha annunciato «un’energica difesa» contro la querela.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
MIM 1 anno fa su tio
Ecco che tolta la maschera si rivelano per quel che sono.. le colombe.
sedelin 1 anno fa su tio
ho visto e rivisto il video: il ragazzino non mostrava alcun atteggiamento irrispettoso.
miba 1 anno fa su tio
Se invece dell'attivista nativo americano Nathan Phillips ci fosse stato l'attivista nostrano-MPS Pronzini con le bandiere rosse come minimo finiva a Guantanamo per tempo indeterminato.... :):):)
F.Netri 1 anno fa su tio
La famiglia del ragazzo ha pienamente ragione! Questi tabloid social-comunisti, pur di fare propaganda politica, non si fermano nemmeno davanti a ragazzini inermi.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-09 23:07:01 | 91.208.130.87