Keystone
FRANCIA
20.02.2019 - 10:280

Arrestato uno degli uomini che aveva minacciato Finkielkraut

L'aggressione antisemita al filosofo di origini ebraiche era avvenuta durante una manifestazione dei gilets jaunes

PARIGI - È stato posto in stato di fermo ieri sera a Parigi uno degli individui che sabato scorso, durante la manifestazione dei gilet gialli, hanno circondato e violentemente offeso il filosofo Alain Finkielkraut, gridandogli - fra l'altro - «sionista», «la Francia è nostra» e «morirai».

Secondo informazioni di Le Parisien, si tratta di B. W., padre algerino e madre francese, convertitosi all'islam, commerciante di telefoni cellulari.

L'uomo, che nel video che ha ripreso l'episodio appare con gilet giallo e kefiah attorno al collo, si è recato spontaneamente in commissariato rispondendo a una convocazione degli inquirenti. L'inchiesta che lo riguarda è stata aperta per «offese in pubblico per origine, etnia, nazionalità, razza o religione».

In Francia si registra un aumento degli atti antisemiti, l'ultimo dei quali risale a due notti fa, con la profanazione di 96 tombe di un piccolo cimitero in Alsazia, poche ore prima della manifestazione contro l'antisemitismo.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-15 01:48:46 | 91.208.130.85