Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
BRASILE
1 ora
«Il test è risultato positivo»
Il presidente brasiliano ha comunicato l'esito dell'esame pochi minuti fa in diretta televisiva
ITALIA
1 ora
Gemelle siamesi separate con successo
Delicatissimo intervento di 18 ore a Roma. Un anno di preparazione per affrontare l'operazione
KENYA
2 ore
Alle radici del Covid-19: «Se continuiamo a sfruttare gli animali il problema si ripresenterà»
Il 60% delle infezioni umane ha origine animale. Pratiche agricole non sostenibili favoriscono il passaggio.
VIDEO
SVEZIA
3 ore
Passaporto inutile causa Covid? Al Burger ci si rimedia un panino gratis
Magra (si fa per dire) consolazione per i cittadini del Paese scandinavo. Il documento potrebbe diventare inservibile.
REGNO UNITO
4 ore
Nel Regno Unito pesanti tagli anche nei media
La causa è, ovviamente, l'emergenza coronavirus che per alcune testate è stata un colpo di grazia
GERMANIA
4 ore
Tagli alla dirigenza di Lufthansa: a casa un manager ogni 5
Le misure di ridimensionamento fanno parte della seconda parte del piano di ristrutturazione
ITALIA
5 ore
Insulti omofobi in sala operatoria, accusato un primario
L'episodio sarebbe avvenuto nel mese di marzo in un ospedale in provincia di Varese
ITALIA
6 ore
Ocean Viking, tutti i tamponi sono negativi
I migranti si trovano a bordo della nave-quarantena Moby Zazà
STATI UNITI
7 ore
Gli Stati Uniti vogliono bandire TikTok: «Condivide le informazioni col Partito Comunista cinese»
Lo sostiene Mike Pompeo che dichiara guerra alle app made in China, ma l'azienda nega categoricamente
FRANCIA
19.01.2019 - 17:410
Aggiornamento : 22:27

Decimo sabato per i gilet gialli

Tensioni nel pomeriggio dopo le manifestazioni pacifiche tra un gruppo di facinorosi in casacca gialla e le forze dell'ordine

PARIGI - Una mobilitazione ordinata, strutturata e pacifica, con qualche raro episodio di violenza inscenato a fine giornata da sparuti gruppi di casseurs: questo, in sostanza, il bilancio del decimo atto delle proteste dei gilet gialli, a due mesi dall'inizio del movimento il 17 novembre scorso.

Secondo i dati diffusi in serata dal ministero dell'Interno, oggi sono stati 8.000 i manifestanti al livello nazionale, di cui 7.000 a Parigi, dati pressoché invariati rispetto alla settimana scorsa. Secondo il primo conteggio realizzato dai gilet gialli, che da ieri hanno una specifica app 'GJ-France', i partecipanti sono stati pochi di più, 86'110.

A Lille, qualche settimana dopo la loro apparizione scenografica sugli Champs-Elysées, sono riapparse tra i gilet gialli 'le Marianne': questa volta il piccolo drappello non era a seno nudo ma truccato con falsi lividi e finti ingessature.

Come sabato scorso, erano 80'000 gli agenti dispiegati, di cui 5000 a Parigi. Lo svolgimento pacifico dei cortei - molti, questa volta, erano stati dichiarati alla questura - è nettamente migliorato anche grazie all'introduzione, dalla scorsa settimana, di un vero e proprio servizio d'ordine dei gilet-gialli in coordinamento con la polizia.

A quanto si apprende, circa 150 gli 'angeli custodi' volontari, individuabili da una fascetta bianca, hanno vegliato alla sicurezza del principale corteo parigino partito dall'esplanade des Invalides. «Abbiamo visto tanti feriti, in molti erano ormai reticenti a venire. Quindi abbiamo assunto le nostre responsabilità e ci siamo detti che era importante, anche per la nostra sicurezza, evitare che ci fossero infiltrati esterni, che ci manipolano causando ulteriori violenze», ha spiegato uno di loro, Faouzi Lellouche, citato da Europe 1. Tra i tanti volontari in berretto da militari, anche ex combattenti del Donbass, nell'est dell'Ucraina. Incluso Victor Lenta, un ex paracadutista del terzo reggimento di Carcassonne considerato vicino all'estrema destra. Ma gran parte di loro sono «semplici cittadini, gilet gialli come altri», assicurano i manifestanti.

A Parigi, la situazione è degenerata solo al termine del corteo, in zona Invalides, quando uno sparuto gruppo di facinorosi col volto coperto è entrato in azione lanciando oggetti contro gli agenti, che hanno risposto con i cannoni ad acqua e gas lacrimogeni. Qualche episodio di violenza anche a Angers e Tolosa, che oggi ha segnato il record di partecipanti, con 10.000 persone in piazza e appena una decina di fermi. Secondo la prefettura di Parigi, sono gli 42 individui fermati nella capitale. 49 i fermi a Bordeaux. A Parigi, un gruppo di giornalisti si era riunito in mattinata sotto alla statua della Marianna in Place de la République per dire "stop alle violenze" contro i media. Ma oggi, contrariamente al 'nono atto', non si segnalano particolari aggressioni contro troupe televisive o giornalisti a margine dei cortei.

Nel tam tam dei social alcuni avevano chiesto di protestare con rose o candele e osservare un minuto di silenzio in omaggio ai feriti degli ultimi due mesi. Alcuni hanno brandito cartelli neri a forma di bara per omaggiare i morti. Oggi, numerosi manifestanti hanno inoltre scandito lo slogan: "Liberté, Egalité, Flash Ball". Un riferimento all'arma non letale data in dotazione alla polizia francese che, secondo un calcolo realizzato dal quotidiano Libération, ha causato almeno un centinaio di feriti gravi dall'inizio delle proteste.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 18:40:00 | 91.208.130.87