Keystone
THAILANDIA
11.01.2019 - 10:460
Aggiornamento 11:30

18enne saudita in fuga, diversi Paesi pronti a darle asilo

La ragazza aveva usato Twitter quando si era barricata in albergo protestando contro la possibilità del rimpatrio con l'hashtag #saverahaf

BANGKOK - Diversi Paesi, tra cui il Canada e l'Australia, sono disposti ad accogliere Rahaf Mohammed al-Qunun, la 18enne saudita che lo scorso fine settimana è stata bloccata per due giorni nell'area di transito dell'aeroporto di Bangkok, sostenendo di rischiare di essere uccisa dalla famiglia in caso di rimpatrio forzato.

Lo ha riferito oggi la polizia thailandese, che lunedì scorso ha lasciato entrare la ragazza nel Paese finché l'agenzia Onu per i rifugiati non avrà trovato una destinazione.

Nel frattempo, oggi l'account gestito da Rahaf su Twitter è stato cancellato. Secondo altri attivisti sul social, la stessa giovane ha preferito disattivarlo a causa delle minacce di morte ricevute.

La ragazza aveva usato il social network in maniera massiccia quando si era barricata in albergo protestando contro la possibilità del rimpatrio e la rapida diffusione dell'hashtag #saverahaf aveva contribuito a creare il clamore necessario per una soluzione del caso a lei favorevole.

2 sett fa 18enne saudita in fuga, verso lo status di rifugiata
2 sett fa La giovane saudita in fuga è fuori dall'aeroporto
2 sett fa 18enne saudita in fuga si barrica in hotel per evitare il rimpatrio
2 sett fa Donna saudita tenta la fuga, fermata a Bangkok
Tags
paesi
diversi paesi
rimpatrio
18enne saudita
18enne
ragazza
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-01-24 10:31:36 | 91.208.130.87