Facebook
ITALIA
06.01.2019 - 17:380

Il vicesindaco butta le coperte del senzatetto: i cittadini gliene danno delle nuove

Paolo Polidori (Lega) è al centro delle polemiche per il suo gesto e relativo post. Gli altri partiti ne chiedono le dimissioni

TRIESTE - Il vicesindaco leghista di Trieste è al centro delle polemiche dopo che, venerdì, ha gettato nella spazzatura le coperte di un senzatetto e se ne è vantato su Facebook. Intanto, nella notte dell’Epifania, nel luogo in cui si trovavano gli averi dell’uomo senza fissa dimora sono comparse nuove giacche e coperte accompagnate da un cartello: «Ti chiediamo scusa a nome della città di Trieste», hanno scritto i cittadini che le hanno lasciate.

«Sono passato in via Carducci, ho visto un ammasso di stracci buttati a terra… coperte, giacche, un piumino e altro; non c’era nessuno quindi presumo fossero abbandonati», aveva annunciato il vicesindaco e assessore alla sicurezza del capoluogo friulano, Paolo Polidori, in un post poi cancellato sulla sua pagina Facebook. «Da normale cittadino che ha a cuore il decoro della sua città, li ho raccolti e li ho buttati, devo dire con soddisfazione, nel cassonetto», aveva aggiunto. «P.S.: sono andato subito a lavarmi le mani!», aveva concluso.

Questa mattina, nella centrale via Carducci è comparsa la replica di alcuni cittadini: giacche e coperte accompagnate da un messaggio scritto su tre pezzi di cartone. «Caro amico, speriamo che questa notte tu soffra meno il freddo - vi si legge -. Ti chiediamo scusa a nome della città di Trieste. P.S.: in caso di mancato ritiro non gettare nulla. Provvederemo al recupero entro domani. Grazie».  

Il post di Polidori ha suscitato l’indignazione degli esponenti di tutti i partiti cittadini eccetto la Lega. Nei giorni scorsi, manifestando nel luogo dell’accaduto, rappresentanti di PD, MoVimento 5 Stelle e LeU hanno chiesto le dimissioni del vicesindaco. Come riporta il Piccolo, richieste di dimissioni sono arrivate anche da Forza Italia. La sezione giovanile della Lega triestina e altri esponenti regionali del partito hanno invece espresso solidarietà a Polidori.  

Quest’ultimo ha nel frattempo dichiarato all’Ansa che non avrebbe riscritto il post nello stesso modo, ma non si è detto pentito del suo gesto e ha denunciato una «strumentalizzazione» a fini politici delle sue parole.

Secondo il politico, il senzatetto in questione era stato «invitato più volte» ad andare in una struttura di accoglienza e «più volte» aveva rifiutato. Era inoltre oggetto di un provvedimento di allontanamento da Trieste: «Sembra abbia minacciato verbalmente i commercianti della zona», ha affermato il vicesindaco, che ha sottolineato che l’uomo è un cittadino romeno con «precedenti penali». Contrariamente a quanto affermato nel suo primo post, dove parlava di «giacche», Polidori ha infine assicurato di aver gettato via solo «stracci» e nessun «effetto personale».

 

Commenti
 
Mattiatr 2 mesi fa su tio
Io generalmente non sono contrario ai discorsi leghisti italiani, molti sono in linea con i miei pensieri. Ovviamente le esagerazioni che contraddistinguono il dibattito politico dei nostri vicini rende l'ambiente simile ad un asilo. L'Italia è piena di problemi, è inutile persino immaginare di elencarli tutti. I partiti creano un clima ostico, pare che ci sia una guerra di insulti. L'obbiettivo per loro è far parlare e far fare figure di merda agli altri, ovviamente c'è chi esagera e finisce per fare atti di accanimento e frustrazione.
SosPettOso 2 mesi fa su tio
Prima "presumo che fossero abbandonati", poi nella risposta ne sa vita morte e miracoli... Un vero ardito sui social ma vigliacco nella vita.
sedelin 2 mesi fa su tio
un altro pirla che segue le orme del capo di tutti i leghisti (fascista). per loro é più importante il "decoro" che il freddo subito da un essere umano. chapeau ai cittadini solidali con il povero uomo!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-03-22 06:01:20 | 91.208.130.85