Keystone
GERMANIA
30.12.2018 - 14:000
Aggiornamento : 16:45

Migranti soccorsi in mare: «Serve un porto»

La ong SeaEye ha raccolto da una barca che stava per rilbaltarsi 18 persone. SeaWatch è ancora in mare con a bordo 32 persone

ROMA - «Diciassette persone soccorse provenienti da sette diverse nazioni africane. Per loro chiediamo un porto sicuro dove poter sbarcare». È l'appello lanciato via twitter da SeaEye, ong tedesca, che ieri aveva segnalato di aver soccorso un'imbarcazione partita dalla Libia.

In un comunicato la ong spiega che i propri volontari si sono «opposti alla consegna delle persone soccorse alla Guardia costiera libica» perché avrebbe rappresentato una «violazione delle leggi internazionali». Nel resoconto si aggiunge che nel momento in cui è stato soccorso, il barchino rischiava di ribaltarsi. «Speriamo di ricevere supporto dal ministero degli Esteri tedesco nella ricerca di un porto sicuro», aggiunge l'ong.

SeaWatch ancora in mare - Da nove giorni anche la nave della ong SeaWatch è in mare in attesa dell'assegnazione di un porto sicuro. L'imbarcazione ha a bordo 32 persone, salvate in mare lo scorso 22 dicembre, di cui 4 donne, tre adolescenti e tre bimbi.

Altre 23 persone - Una pattuglia della Guardia costiera di Zouara ha soccorso 23 migranti, tra cui donne e bambini. È quanto si legge sulla pagina Facebook della Guardia Costiera di Zouara. Si tratta di persone provenienti dal Marocco, dal Pakistan, dal Nepal, dal Ghana e dalla Libia.

Dopo avere ricevuto aiuti medici e umanitari, sono stati consegnati all'organismo di contrasto all'immigrazione clandestina a Zouara.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-20 03:54:34 | 91.208.130.89