Keystone
SVEZIA
14.12.2018 - 17:060
Aggiornamento : 18:18

Il cibo biologico è più dannoso per il clima

Necessita di aree coltivabili più grandi e produce molte più emissioni di anidride carbonica. È questa la conclusione di uno studio svedese

STOCCOLMA - Contrordine: il cibo biologico ha un impatto sul clima peggiore di quello coltivato in modo convenzionale. E questo perché necessita di aree coltivabili più grandi e produce molte più emissioni di anidride carbonica. È questa la conclusione di uno studio svedese, coordinato dalla Chalmers University of Technology, pubblicato sulla rivista Nature.

«I piselli biologici coltivati in Svezia hanno un impatto sul clima del 50% in più. Per alcuni alimenti la differenza è ancora maggiore. Per il grano biologico svedese arriva al 70%», spiega Stefan Wirsenius, uno dei coordinatori della ricerca.

La ragione è che con il cibo biologico i raccolti per ettaro sono più bassi, perché non vengono usati fertilizzanti, e per produrre la stessa quantità di cibo, bisogna coltivare terreni più grandi. «Il maggiore uso di terreni nelle coltivazioni biologiche - continua Wirsenius - porta indirettamente a maggiori emissioni di anidride carbonica, per via della deforestazione. La produzione di cibo nel mondo è regolata dal commercio internazionale. Quindi il modo in cui coltiviamo in Svezia, influisce indirettamente sulla deforestazione nei tropici».

Anche la carne e i latticini organici hanno un impatto peggiore per il clima rispetto a quelli convenzionali, «perchè per la loro produzione si usano alimenti biologici, che a loro volta richiedono più terra per essere prodotti». Ciò non significa però che si debba smettere di consumare cibo biologico. «Il tipo di alimento - prosegue - è più importante. Ad esempio, mangiare fagioli o pollo biologico è molto meglio per il clima che mangiare manzo prodotto convenzionalmente. Il cibo biologico ha inoltre diversi vantaggi, tra cui il miglior benessere dell'animale».

Per chi vuol mangiare bio senza danneggiare il clima, conclude lo studio, bisogna concentrarsi sull'impatto dei diversi tipi di carne e verdura nella nostra dieta. Quindi sostituire manzo e agnello con proteine vegetali, come fagioli, e preferire maiale, pollo, pesce e uova che hanno un minore impatto sul clima.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
skypuma 1 anno fa su tio
La soluzione più logica per il clima è per la salvaguardia del nostro pianeta è una drastica diminuzione della popolazione a livello planetario!
sedelin 1 anno fa su tio
studio farlocco, probabilmente commissionato e pagato dalle multinazionali che producono pesticidi: vigliacchi!
SosPettOso 1 anno fa su tio
...ma le emissioni di CO2 delle aziende produttrici di alimenti, fertilizzanti e pesticidi chimici sono incluse in questo studio?
F.Netri 1 anno fa su tio
aha aha aha aha aha!!!! Il clima sta diventando una vera fobia maniacale.
nordico 1 anno fa su tio
@F.Netri Forse qualche studioso svedese è in pieno climaterio !
ugobos 1 anno fa su tio
hahah solite boiate. non me ne frega niente di quello che avete studiato voglio vedere i dati.
Trasp 1 anno fa su tio
Mi tocca diventare anche uno specialista in impatto ambientale per il mio orticello... Qualcuno mi sa dire quali sono le università che propongono questo indirizzo di studi? Grazie
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-23 05:58:12 | 91.208.130.85