ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
COSTA RICA
2 ore
Molestie di strada? Da oggi è un reato
Il Presidente Carlos Alvarado: «È un grande cambiamento per il Paese»
FRANCIA
3 ore
Fulmine colpisce la funicolare: 12 feriti
Il fulmine, colpendo i binari, ha causato una brusca interruzione dell'elettricità
LIBANO
5 ore
In Libano è caduto il governo
Lo ha annunciato questa sera il premier Hassan Diab, dopo la crescente pressione legata all'esplosione a Beirut
STATI UNITI
6 ore
Di nuovo a processo Ron Jeremy: «È il Weinstein del mondo del porno»
L'attore, regista e produttore di film a luci rosse di nuovo in tribunale. Molteplici le accuse di molestie e stupro
STATI UNITI
6 ore
Esplodono delle case a Baltimora, diverse persone sotto le macerie
Ci sarebbe almeno un morto e diversi feriti, proseguono le ricerche tra i detriti
WASHINGTON
7 ore
La festa si trasforma in sparatoria, muore un 17enne
Tutto è nato da una disputa. Ferito pure un poliziotto
STATI UNITI
8 ore
Trump: «Non ho mai chiesto il mio volto sul Monte Rushmore, ma è una buona idea»
A diffondere l'indiscrezione di un suo interessamento è stato il New York Times. Il presidente: «Fake news»
STATI UNITI
8 ore
McDonald's contro il suo ex Ceo: mentì sulle sue relazioni con le dipendenti
Il 53enne ammise una tresca consensuale con una collaboratrice. Ma emersero almeno altre tre storie.
LIBANO
9 ore
Beirut, il governo a un passo dal crollo?
Non si ferma l'effetto domino dopo l'esplosione. L'intero esecutivo potrebbe dimettersi già in giornata
MONDO
9 ore
Per i vaccini servono oltre 100 miliardi di dollari
Tedros Adhanom Ghebreyesus si è detto preoccupato per la raccolta di fondi
FOTO
INDONESIA
9 ore
La furia del vulcano Sinabung: colonna di fumo alta 5000 metri
Uno strato di sabbia e cenere dello spessore di cinque centimetri ricopre i villaggi ai piedi della montagna
STATI UNITI
12.10.2018 - 06:000

Il babysitter è nero, i bambini bianchi: una donna chiama la polizia

Un 27enne americano che gestisce un doposcuola si è sentito giudicato ingiustamente. Il suo live è diventato virale

MARIETTA - È una disavventura che sta alimentando il dibattito sul “racial profiling” quella capitata a un babysitter della Georgia che è stato fermato, seguito fino a casa e segnalato alla polizia da una donna (bianca) che era insospettita dal fatto che lui fosse un uomo di colore e i bambini che erano con lui fossero bianchi.

I fatti sono avvenuti domenica, quando Corey Lewis stava tornando a casa con Addison, 10 anni, e a suo fratello Nicholas, 6, dopo che i tre avevano pranzato in un fast food di un centro commerciale di Marietta, in Georgia. Insospettita dalla situazione, la donna li ha seguiti nel parcheggio e ha chiesto a Lewis di parlare con la bambina più grande per chiederle se lo conoscesse. Il 27enne si è rifiutato di lasciarglielo fare ed è partito con i bambini sul sedile posteriore.


Facebook

«È il 2018 e guardate che cosa mi tocca affrontare», ha commentato Lewis avviando un live su Facebook che è diventato virale. «Questa donna mi tormenta perché sono con due bambini che non hanno il mio stesso aspetto», ha continuato. Non contenta, la donna ha preso il suo numero di targa e l’ha seguito dapprima a una pompa di benzina e poi fino a casa sua, a cinque minuti di distanza, dove Lewis gestisce da alcuni anni il suo doposcuola, “Inspired by Lewis”.


Facebook

Qui, il babysitter si è visto fermare anche da un agente di polizia, giunto su segnalazione della donna, che ha chiamato il 911 indicandolo come «un individuo sospetto». Nel live si sente il poliziotto chiedergli che cosa fosse successo e ascoltare la sua versione dei fatti, ovvero che c’era una donna che lo seguiva e lo importunava.


Facebook

A quel punto, anche il poliziotto gli chiede di poter parlare con i bambini: «Per controllare che sia tutto a posto», gli spiega. Scesa dall’auto con il fratellino, la bimba più grande conferma all’agente che Lewis è il loro babysitter. Il poliziotto indaga ancora: «State bene?», le chiede. L’episodio, confermato dalla polizia, si è chiuso lì. Non è noto se la donna che ha segnalato Lewis sia stata identificata, sottolinea il New York Times.


Facebook

A Lewis, tuttavia, è rimasto l’amaro in bocca perché si è sentito giudicato in base al suo aspetto ed è stato importunato mentre stava lavorando. Anche il padre dei due bambini è turbato dall’accaduto: «Ho chiesto (a Nicholas, ndr) se avesse capito cos’era successo e lui mi ha risposto: “Ehm, una signora strana ci seguiva perché il signor Lewis ha la pelle marrone e noi l’abbiamo rosa”», ha spiegato David Parker a Fox 5 Atlanta.


Facebook
Lewis con i bambini del suo doposcuola

Come sottolinea il New York Times, questo è solo l’ultimo di una lunga serie di casi negli Stati Uniti di persone di colore segnalate alla polizia mentre svolgevano attività assolutamente legali. Abitualmente cosiderato una pratica della polizia, il fenomeno del “racial profiling” (“profilazione razziale”) - ovvero la valutazione di una persona e del livello di rischio che rappresenta in base alla sua appartenenza etnica - torna così a far discutere.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 1 anno fa su tio
il razzismo é vivo più che mai, ovunque. anche in ticino, italia, ecc ecc ecc..............................................................................
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 00:45:39 | 91.208.130.85