Google Street View
+ 3
STATI UNITI
22.08.2018 - 06:000

Tiratore misterioso spara sul grattacielo chic: inquilini terrorizzati

Colpite le finestre di due degli appartamenti da 7mila dollari al mese. La polizia: «È qualche pezzo di m*** dall'altra parte del fiume»

NEW YORK - Gli inquilini di un grattacielo di lusso nell’Upper East Side di New York vivono nel terrore. Da alcuni giorni qualcuno spara alle vetrate dei loro appartamenti con vista sull’East River. I proiettili provengono dall’altra parte del fiume e, in due casi, hanno ridotto le finestre in frantumi.

«Mi sono trasferita in questo appartamento per il fiume e la magnifica vista, ma me ne andrò prima di dover girare per casa con un giubbotto antiproiettile», assicura al New York Post Ilene Epstein, inquilina 55enne del 22° piano finora risparmiata dai colpi. Il One East River Place, che di piani ne ha 50, è stato centrato due volte. La prima nella notte fra giovedì e venerdì: l’inquilino dell’appartamento del 14° piano colpito si è svegliato la mattina dopo trovando la vetrata in frantumi sul pavimento del salotto. La seconda sabato, quando un inquilino del 32° piano è sobbalzato nel letto sentendo la finestra del soggiorno che andava in mille pezzi. «Sono stati fortunati a non essere rimasti in piedi a guardare la tv», ha commentato una fonte della polizia sentita dal Post.

Gli inquirenti ne sono convinti, gli spari arrivavano da un palazzo sull’altra sponda dell’East River, da qualche parte sulla Roosevelt Island: «Qualche pezzo di m*** spara da un balcone dall’altra parte del fiume», ipotizza un’altra fonte molto vicina all’inchiesta. Fino a martedì, però, la polizia non aveva individuato né lo sparatore né il suo personalissimo stand di tiro. L’arma usata potrebbe essere una pistola Smith & Wesson calibro 38. Un braccio di fiume di meno di 300 metri separa l'Upper East Side dalla Roosevelt Island.

La collera, intanto, monta fra gli inquilini dell’esclusivo grattacielo, dove le pigioni degli appartamenti raggiungono facilmente i 7mila dollari al mese. L’amministrazione, lamentano, avrebbe dovuto avvertirli di quello che stava succedendo, non avrebbero dovuto scoprirlo da un articolo del New York Post: «Sono venuta a saperlo dal mio ex marito che vive al Ritz Carlton di Westchester (a circa 40 km da lì, Ndr) - racconta un’inquilina - Figuratevi un po’!».

Google Maps
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-17 23:23:15 | 91.208.130.86