Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
TUNISIA
1 ora
Naufragio al largo di El Aouabed, recuperati 3 corpi
REGNO UNITO
1 ora
Brexit, Johnson ha 12 giorni per presentare una proposta
STATI UNITI
2 ore
I big della tv americana dicono no agli spot sulle e-cig
ITALIA / FRANCIA
2 ore
Migranti, disgelo fra Conte e Macron
GIAPPONE
2 ore
Fukushima, assolti tre ex dirigenti della Tepco
STATI UNITI
3 ore
16enne muore accoltellato in una rissa: tutti facevano video senza intervenire
STATI UNITI
11 ore
Trump contro i senzatetto: «Rovinano il prestigio delle città»
ITALIA
11 ore
Prove di dialogo tra Conte e Macron
STATI UNITI
13 ore
La Fed taglia (ancora) i tassi e fa arrabbiare Trump
STATI UNITI
13 ore
«Il muro mette a rischio i siti archeologici dell'Arizona»
NIGERIA
14 ore
Donne in piazza contro i "killer degli hotel"
KENYA
14 ore
Questo cucciolo di zebra non ha le strisce, è a pois
STATI UNITI
14 ore
L'appello di Greta al Congresso: «Ascoltate la scienza»
REGNO UNITO
14 ore
Immagine neonazi contro Harry in tv, la Bbc si scusa
STATI UNITI
15 ore
I 75 miliardi immessi dalla Fed nel sistema finanziario Usa stanno dando i loro frutti
STATI UNITI
18.08.2018 - 22:330

Russiagate: il capo legale della Casa Bianca ha «collaborato»

Donald McGahn II ha condiviso con il procuratore speciale Robert Mueller dei resoconti dettagliati su episodi che altrimenti difficilmente sarebbero venuti a galla

WASHINGTON - Il consigliere legale della Casa Bianca, Donald McGahn II, ha cooperato ampiamente con il procuratore speciale del Russiagate Robert Mueller, condividendo dettagliati resoconti di episodi al centro dell'inchiesta per accertare se il presidente Donald Trump ha ostruito la giustizia, incluse circostanze che altrimenti gli investigatori non avrebbero appreso. Lo scrive il "New York Times", citando come fonti (anonime) una dozzina di attuali ed ex dirigenti della Casa Bianca ed altre persone informate sulla vicenda.

McGahn sarebbe stato spinto a non nascondere nulla per due motivi: da un lato per l'orientamento del primo team legale di Trump a cooperare pienamente con Mueller senza barricarsi dietro il privilegio esecutivo; dall'altro per il timore che il presidente possa o voglia scaricare su di lui eventuali responsabilità legate all'ostruzione della giustizia. Evitando così di fare la stessa fine di John W. Dean, il consigliere legale della Casa Bianca all'epoca di Nixon, coinvolto e condannato anche lui nel Watergate.

In almeno tre interrogatori volontari per un totale di 30 ore negli ultimi nove mesi McGahn - secondo il giornale - ha descritto il furore del tycoon verso il Russiagate e i modi in cui gli chiese di rispondere.

Tra i vari episodi, il licenziamento del capo dell'Fbi James Comey, i ripetuti solleciti all'attorney general Jeff Sessions a prendere le redini dell'inchiesta e il tentativo di silurare lo stesso Mueller. La testimonianza di McGahn, secondo le fonti del Nyt, è stata utile.

La portavoce della Casa Bianca Sarah Sanders ha commentato al Nyt che «il presidente e Don hanno una grande relazione» e che Trump «apprezza tutto il duro lavoro che ha fatto, in particolare il suo aiuto e la sua esperienza con i giudici e i nominee alla Corte suprema».
 
 

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 09:39:44 | 91.208.130.89