Keystone
IRAQ/SIRIA
03.08.2018 - 09:000

«Possiamo battere l'Isis sul campo ma non le loro idee»

Minaccia domata ma non sconfitta quella dello Stato Islamico, ritornato a fare paura. Ce lo racconta in esclusiva la nostra inviata

DAMASCO - Da quando sono in Iraq per 20 Minuten, ovvero da inizio luglio, l'Isis è piano piano tornato un argomento ricorrente. Un filmato di un'esecuzione di alcuni militi delle forze di sicurezza irachene, rapiti a un finto posto di blocco, ha riportato rapidamente in auge quella paura dimenticata.

Tanto che viaggiare in auto dall'importante città petrolifera Kirkuk a Bagdhad sull'autostrada si è praticamente da soli, per i viaggi a lunga percorrenza la gente preferisce l'aereo: «Pensavamo la situazione fosse di nuovo sotto controllo, e invece...», ci racconta Rawand (30 anni) scappato da Kirkuk nel 2014 quando lo Stato Islamico imperversava.

È vero, l'Isis è un ombra di sé stesso: controlla il 98% di territori in meno ma resta una minaccia attiva e pugnace. Nell'Iraq centrale è attivo in diverse provincie, soprattutto di questi tempi. In Siria, invece, si muove soprattutto nelle aree desertiche a est. In entrambi i casi approfitta del territorio collinoso, dell'aiuto degli autoctoni e di tattiche da guerriglia.

Ben lungi dall'essere un vero e proprio esercito, Daesh può contare oggi sul “solo” 3'000 uomini in Iraq e un paio di migliaia in Sira. Fra di loro diversi foreign fighters. Ultima roccaforte del Califfato la città siriana di Hajin dove si nasconderebbe anche Abu Bakr al-Baghdadi. Se questa dovesse cadere, potrebbe anche essere la fine per l'Isis.

Stando a diversi osservatori però potrebbe rimanere «una presenza strisciante» in entrambe le nazioni. In ogni caso a fare più paura di, fucili e bombe è l'ideologia: «Possiamo anche battere l'Isis con le armi, ma le sue idee troveranno sempre seguaci», hanno confermato le autorità irachene a 20 Minuten. Ma c'è chi è più ottimista: «Non può durare a lungo, se cade il Califfato allora cade anche Daesh, significa che Allah non era con loro», conferma l'esperto di terrorismo Roland Propp.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-24 17:53:36 | 91.208.130.87