SPAGNA
30.06.2018 - 13:540
Aggiornamento : 15:36

Open Arms, 59 migranti a bordo

Botta e risposta tra Malta e Salvini

MADRID - Una sessantina di migranti sono stati soccorsi da Open Arms, la nave della Ong catalana, davanti alla Libia. Il gommone su cui viaggiavano è stato avvistato dalla stessa Open Arms e la Ong ha effettuato il recupero in maniera autonoma, senza che vi fosse una richiesta delle autorità. La nave era inoltre a conoscenza dell'arrivo in zona di una motovedetta libica.

«Nonostante gli ostacoli, continuiamo a proteggere il diritto alla vita degli invisibili», ha scritto su twitter. Prima ancora dell'annuncio della Ong, era stato il ministro italiano Matteo Salvini ad annunciare il soccorso.

«La nave Open Arms si è lanciata poco fa verso un barcone e, prima dell'intervento di una motovedetta Libica, ha in tutta fretta imbarcato una cinquantina di immigrati. Questa nave si trova in acque Sar della Libia, porto più vicino Malta, associazione e bandiera della Spagna: si scordino di arrivare in un porto italiano».

Parole che hanno scatenato la rabbia di Malta. «Salvini la smetta con le bugie», ha twittato il portavoce del governo. 

«Il nostro aiuto ignorato» - «L'Open Arms avrebbe potuto salvarli, ma è stato ignorato dalle autorità libiche e italiane».

E' quanto scrive su Twitter Javi Lopez, uno dei quattro europarlamentari a bordo di Astral, una delle due navi della Ong catalana, postando un video in cui Oscar Camps, fondatore dell'organizzazione umanitaria, accusa i due paesi per le operazioni di soccorso di ieri in cui un barcone è naufragato e 100 persone, tra cui 3 bimbi, sono morti.

Un'accusa ribadita anche da Riccardo Gatti, il comandante della Atral, postato da Eleonora Forenza su Fb. «Abbiamo sentito un messaggio radio tra un aereo militare e i guardacosta libici riguardo ad una imbarcazione da soccorrere, però nessuno ci ha dato un'indicazione ufficiale - ha detto Gatti - Dopo circa un'ora e mezza è arrivato un messaggio di testo sui dispositivi di bordo da parte della radio di Malta, un messaggio riguardante un'imbarcazione con circa 100 persone a bordo e pensiamo sia la stessa. Abbiamo chiamato Roma chiedendo se c'era bisogno che andassimo a soccorrere e ci hanno detto che era già stata intercettata da una motovedetta della guardia costiera libica. Di lì a poco abbiamo saputo di morti e dispersix.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-07 19:49:40 | 91.208.130.86