Keystone
SIRIA
13.06.2018 - 18:090

A quanto pare la Siria nel 2017 ha davvero usato il sarin e il cloro

Lo confermerebbe un rapporto dell'Opac per le quale l'uso è «molto probabile»

BEIRUT - La missione investigativa dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (Opac) ha confermato, in un rapporto diffuso oggi, l'uso «molto probabile» di sarin in un attacco chimico a Ltamenah, nel nord della Siria, il 24 marzo 2017, e di gas cloro in un altro attacco contro l'ospedale della stessa cittadina e nella zona circostante il giorno dopo, 25 marzo. Lo rende noto un comunicato dell'organizzazione.

Le conclusioni sugli eventi del 24 e 25 marzo, precisa l'Opac, sono basate su testimonianze, analisi epidemiologiche e campioni ambientali. La raccolta di informazioni e materiale, le interviste ai testimoni, così come le analisi hanno richiesto molto tempo per poter tirare le conclusioni, si legge.

Il rapporto è stato condiviso con gli Stati Parte della Convenzione sulle armi chimiche e trasmesso al Consiglio di sicurezza dell'Onu, tramite il segretario generale delle Nazioni Unite.

Tags
siria
rapporto
cloro
sarin
marzo
opac
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-11-19 15:21:55 | 91.208.130.87