keystone
ITALIA
05.05.2018 - 14:440

La dengue trasmissibile anche con i rapporti sessuali?

Lo dimostra un nuovo studio dell'INMI di Roma che ha rilevato il virus nel liquido seminale di un uomo guarito dall'infezione

ROMA - Il virus Dengue - endemico in vari paesi in America e Asia e responsabile di numerosi casi "importati" di infezione in Europa - si potrebbe trasmettere anche per via sessuale. Lo dimostra, per la prima volta, uno studio dell'Istituto nazionale per le malattie infettive (Inmi) "Lazzaro Spallanzani" di Roma, che ha rilevato la presenza del virus nel liquido seminale di un italiano guarito da una recente infezione e appena rientrato da un viaggio in Thailandia.

Lo studio è pubblicato su "Eurosurveillance" e dimostra per la prima volta la presenza del virus nel liquido seminale di un uomo guarito da una recente infezione da Dengue. I ricercatori hanno dimostrato che il virus persiste in attiva replicazione nel liquido seminale ed in particolare nella sua frazione cellulare fino a 37 giorni dopo l'insorgenza dei sintomi.

I test sono stati eseguiti presso il laboratorio di virologia dell'Istituto mediante tecniche di biologia molecolare su un uomo di 50 anni che nel gennaio 2018 è tornato dalla Thailandia in Italia dopo 9 giorni dalla diagnosi di infezione da virus Dengue. I sintomi che avevano allarmato il paziente erano di stato febbrile associato ad astenia e artralgia per 8 giorni.

Il virus Dengue è normalmente trasmesso dalle zanzare del genere Aedes e ad oggi, precisa l'Istituto, «non è stata mai dimostrata la trasmissione sessuale dell'infezione». Tuttavia, nel 2016 un altro virus della stessa famiglia, il virus Zika, ha dimostrato capacità di trasmissione per via sessuale oltre che attraverso la puntura della zanzara.

I risultati di questo studio confermano dunque che il virus Dengue può persistere e replicare nel liquido seminale, "evidenziando implicazioni per una potenziale trasmissione sessuale e per le eventuali misure di sorveglianza da adottare in paesi, quali l'Italia, in cui l'infezione non è endemica".

Altri studi, rilevano i ricercatori, saranno necessari per approfondire questo scenario, considerando che in Europa nel 2016 sono stati confermati circa 2'600 casi di febbre da virus Dengue in viaggiatori di ritorno da paesi ad alto tasso di trasmissione dell'infezione.

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-22 07:27:29 | 91.208.130.85