Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
31 min
Dall'ebola al coronavirus: in azione gli esperti di Emergency
L'associazione umanitaria è attiva su vari fronti in contrasto al Covid-19
MONDO
2 ore
Merkel: «Non sappiamo ancora quanto dureranno le misure»
Le ultimissime sulla pandemia dal mondo
IRAN
2 ore
Alcol adulterato come cura per il coronavirus: 320 morti
Sono più di tremila le persone avvelenate
STATI UNITI
2 ore
Trump parla di 240mila morti, Wall Street reagisce male
Tutti gli indici della Borsa di New York sono in decisa flessione
INDIA
2 ore
Primo contagio nella baraccopoli da un milione di persone
Dharavi, a Mumbai, registra un affollamento record e ciò, ora, desta preoccupazione
STATI UNITI
2 ore
Bill Gates invoca lo shutdown nazionale
Il fondatore di Microsoft se la prende contro quelle amministrazioni locali che hanno preso provvedimenti poco energici
ITALIA
3 ore
Decessi più che raddoppiati nel Nord Italia, trend in calo in Lombardia
Sono complessivamente 7593 i deceduti lombardi e 13155 quelli in tutta la nazione
STATI UNITI
3 ore
Biden: «Non c'è ragione per ritardare le elezioni»
La previsione del favorito alla nomination del partito democratico
MONDO
4 ore
Terapia intensiva, precedenza a chi ha più chance di farcela
Gli ultimi aggiornamenti a tema Covid-19 dal mondo
STATI UNITI
4 ore
Violato il database di Marriott: 5,2 milioni di utenti a rischio
Tra i dati esposti ci sono nomi, email e numeri di telefono, sesso, azienda, giorno e mese di nascita
STATI UNITI
5 ore
Nel tunnel segreto sotto il Muro di Trump si nascondevano 30 milioni di dollari di droga
Era lungo più di 600 metri. Le barriere al confine non possono molto contro queste gallerie. Ci pensa una task force.
UNIONE EUROPEA
6 ore
Ci sarà un salvagente contro la disoccupazione in Europa
Si chiamerà SURE ed è stato presentato oggi da Ursula von der Leyen: «Aziende, non licenziate i vostri dipendenti»
UNIONE EUROPEA
7 ore
Quei 40 farmaci contro il Covid-19 ancora al vaglio
Li sta analizzando l'Agenzia europea del farmaco, fra questi ci sono anche due vaccini
FRANCIA
7 ore
Gli ospedali di Parigi sono quasi al collasso
Tra una decina di giorni la regione Ile-de-France potrebbe raggiungere il bilancio della Lombardia
ITALIA
7 ore
Bergamo, i morti sarebbero molti di più
All'indagine dell'Eco di Bergamo e dell'agenzia InTwig hanno risposto 91 amministrazioni comunali
FOTO
REGNO UNITO
8 ore
I caproni alla conquista della città in quarantena
Il gregge selvatico è stato immortalato per le strade di Llandudno, in Galles
ITALIA
10 ore
«C'è una frenata dei contagi. Ma il Sud è ancora a rischio»
Angelo Borrelli traccia il punto sull'emergenza coronavirus in Italia.
MONDO
12.04.2018 - 02:000

Pena di morte, Amnesty: condanne ed esecuzioni in calo

L'associazione sottolinea che a fare grandi passi avanti è stata l'Africa subsahariana

NEW YORK - Nel 2017, rispetto ai record negativi degli ultimi anni, le esecuzioni e le condanne a morte registrate a livello globale risultano in calo. A renderlo noto è Amnesty International (AI) in occasione della pubblicazione del suo rapporto sulla pena di morte nel mondo.

AI sottolinea che lo scorso anno a fare grandi passi avanti è stata l'Africa subsahariana, «faro di speranza» dove si è registrato un significativo decremento delle condanne a morte e dove ora sono venti gli Stati abolizionisti.

Di fronte ad almeno 21.919 prigionieri in attesa di esecuzione nel mondo, Amnesty segnala tuttavia nel suo rapporto che, nonostante il calo di condanne ed esecuzioni registrato lo scorso anno, «non è il momento di abbassare la guardia», in quanto in ogni caso, nel 2017, «non sono mancate tendenze preoccupanti» circa il suo uso nel mondo.

Amnesty International ha registrato nel 2017 almeno 993 esecuzioni in 23 paesi, il quattro per cento in meno rispetto alle 1032 esecuzioni del 2016 e il 39 per cento in meno rispetto alle 1634 esecuzioni del 2015, il più alto numero dal 1989. La maggior parte delle esecuzioni ha avuto luogo, nell'ordine, in Cina - i cui dati sulle esecuzioni capitali sono tuttavia segreti e l'organizzazione denuncia che sarebbero «migliaia» - , Iran, Arabia Saudita, Iraq e Pakistan. Questi ultimi 4 Paesi sono responsabili dell'84% di tutte le esecuzioni registrate. Le condanne a morte registrate durante l'anno sono state almeno 2591 in 53 stati, un significativo decremento del 17% rispetto al numero record di 3117 condanne inflitte nel 2016.

Amnesty sottolinea che nel mondo, 142 Paesi hanno abolito la pena di morte per legge o nella pratica. Le esecuzioni sono notevolmente diminuite in Bielorussia (del 50 per cento, da almeno quattro ad almeno due), Egitto (20 per cento in meno), Iran (11 per cento), Pakistan (31 per cento) e Arabia Saudita (cinque per cento) mentre sono raddoppiate o quasi raddoppiate in Palestina (da tre a sei nella Striscia di Gaza), Singapore (da quattro a otto) e Somalia (da 14 a 24, la metà delle quali nel Puntland).

Nella regione subsahariana, la Guinea è diventata il ventesimo stato abolizionista per tutti i reati, il Kenya ha cancellato l'obbligo di imporre la pena di morte per omicidio e Burkina Faso e Ciad si stanno avviando a introdurre nuove leggi o a modificare quelle in vigore per abrogare la pena capitale.

Nel 2016, Amnesty International aveva registrato esecuzioni in cinque stati della regione, mentre nel 2017 solo in due, Sud Sudan e Somalia. La ripresa delle esecuzioni in Botswana e Sudan, nel 2018, secondo Amnesty, non deve oscurare i positivi passi avanti intrapresi da altri stati. «I progressi dell'Africa subsahariana rafforzano la posizione della regione come faro di speranza e fanno auspicare che l'abolizione di questa estrema sanzione, crudele, inumana e degradante sia in vista», ha dichiarato Salil Shetty, segretario generale di Amnesty International.

Come la Guinea, anche la Mongolia ha abolito la pena di morte per tutti i reati, mentre il Guatemala solo per i reati comuni. Il Gambia ha firmato un trattato internazionale che l'impegna a non eseguire condanne a morte in vista dell'abolizione della pena capitale. Alla fine dell'anno, 106 stati (oltre la metà del totale) aveva abolito la pena di morte per tutti i reati e 142 (oltre due terzi del totale) l'avevano abolita per legge o nella pratica.

Ma Amnesty riferisce anche che, in contrasto con quanto prevede il diritto internazionale, 15 Stati hanno emesso o eseguito condanne a morte per reati connessi alla droga, con un numero record nella regione Medio Oriente-Africa del Nord, mentre la regione Asia-Pacifico si conferma quella col maggior numero di stati che usano la pena di morte per quel genere di reati.

Amnesty International ha registrato esecuzioni per reati connessi alla droga in quattro stati: Arabia Saudita, Cina, Iran e Singapore. Iran e Malesia hanno emendato la legislazione per ridurre l'uso della pena di morte per i reati connessi alla droga. In Iran sono state inoltre eseguite almeno cinque condanne a morte nei confronti di persone che al momento del reato avevano meno di 18 anni, e nei bracci della morte di questo stato, alla fine del 2017, ve n'erano almeno altri 80.

Persone con disabilità mentale o intellettuale sono state messe a morte o sono rimaste in attesa dell'esecuzione in Giappone, Maldive, Pakistan, Singapore e Usa. AI ha anche registrato parecchi casi di persone condannate a morte dopo aver "confessato" reati a seguito di maltrattamenti e torture in Arabia Saudita, Bahrein, Cina, Iran e Iraq.

L'organizzazione sottolinea che l'impatto dei passi avanti registrati nel 2017 si vedrà nei prossimi mesi e anni, ma «la circostanza che alcuni stati abbiano compiuto passi indietro o abbiano minacciato di farlo rende la campagna per l'abolizione della pena di morte più necessaria che mai». «Negli ultimi 40 anni abbiamo assistito a mutamenti positivi rispetto all'uso globale della pena di morte, ma occorrono altre misure urgenti per fermare l'orribile pratica dell'omicidio di Stato», ha evidenziato Salil Shetty, segretario generale di Amnesty International.

Usa unico nelle Americhe - Nel 2017, per il nono anno consecutivo, nella regione delle Americhe solo gli Stati Uniti d'America hanno realizzato eseguito condanne a morte, i cui numeri (23 esecuzioni e 41 condanne) sono lievemente aumentati rispetto al 2016 ma sono rimasti in linea con le tendenze, storicamente basse, degli ultimi anni. Per il secondo anno consecutivo gli Usa non compaiono tra i primi cinque stati nel mondo per numero di esecuzioni (al settimo posto nel 2016 all'ottavo nel 2017). Nel continente americano, solo tre paesi hanno emesso condanne a morte: Guyana, Trinidad e Tobago e Usa.

L'organizzazione riporta che lo scorso anno il numero dei singoli stati degli Usa dove sono state eseguite condanne a morte è salito da cinque a otto, dato che dopo un periodo d'interruzione sono riprese le esecuzioni in Arkansas, Ohio e Virginia. Quattro stati (Idaho, Mississippi, Missouri e Nebraska), così come le corti federali, sono tornati a emettere condanne a morte, facendo salire a 15 (rispetto alle 13 del 2016) le giurisdizioni che hanno imposto la pena capitale. Carolina del Nord, Kansas e Oregon non hanno emesso condanne a morte, a differenza del 2016.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-01 20:01:34 | 91.208.130.89