Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
Germania
2 min
«Chi va a letto con il capo ottiene un lavoro migliore»
Un'inchiesta del New York Times scoperchia il quotidiano tedesco Bild: «una cultura di sesso, giornalismo e denaro»
UNIONE EUROPEA
2 ore
«Un ricatto inaccettabile per chi, come noi, ha combattuto il Terzo Reich»
Toni molto accesi oggi al Parlamento europeo, dove si rinnova lo scontro sulla sovranità fra Ue e Polonia
STATI UNITI
2 ore
Condannata per un aborto spontaneo
La donna è stata condannata a quattro anni di prigione per omicidio colposo.
Haiti
3 ore
17 milioni per i 17 americani rapiti
Tra le vittime del rapimento, anche cinque bambini. Il più piccolo ha due anni
AUSTRALIA
4 ore
Bambina di quattro anni scompare durante un campeggio
I genitori hanno lanciato l'allarme al risveglio, quando non l'hanno trovata nella tenda
STATI UNITI
4 ore
La morte di Powell fa il pieno ai "no vax"
L'ex Segretario di Stato americano è morto per complicazioni da Covid-19. Una prova che il vaccino non funziona? No.
STATI UNITI
6 ore
Quelle email inappropriate che Bill Gates mandava a una dipendente
Lo scambio datato 2008 getta nuova luce sulle sue dimissioni, avvenute forse sotto pressione di Microsoft stessa
LE FOTO
ISRAELE
6 ore
Quel che resta di una crociata... 900 anni dopo
Interessante reperto vicino alla cittadina israeliana di Haifa, verrà ora restaurata ed esposta
STATI UNITI
6 ore
La statua di Jefferson rimossa dalla Sala del Consiglio di New York
Lo ha deciso il Consiglio che ha approvato all'unanimità la proposta di una giunta di consiglieri di colore
COREA DEL NORD
9 ore
La Corea del Nord ha lanciato un missile in direzione del Giappone
L'arma balistica è stata sparata questa mattina all'alba e si è inabissata nel Mar Orientale senza fare danni
MONDO
10 ore
Troppa disinformazione «per fare scelte consapevoli riguardo alla propria salute»
Amnesty International attacca i Governi e le aziende di social media: «Fermate l'attacco alla libertà d'espressione»
FOCUS
10 ore
In fuga da tre anni
Tra i migranti in viaggio ci sono famiglie, bambini molto piccoli e donne incinte. Ecco le loro storie e i loro volti
BRASILE
17 ore
Bolsonaro come Hitler: la copertina crea scandalo
Un settimanale brasiliano attacca il presidente definendolo «architetto della tragedia» e «mercante di morte».
NIGERIA
17 ore
Attacco al mercato, almeno 43 morti in Nigeria
Uomini armati hanno assaltato un villaggio dello stato di Sokoto, nel nord-ovest del Paese.
ITALIA
20 ore
Un professore alla guida di Roma
In Italia vola il centrosinistra che si è portato a casa tutti i capoluoghi di regione (a parte Trieste).
FOTO
STATI UNITI
21 ore
Esce dal ristorante senza mascherina, è bufera su Joe Biden
Il presidente è stato fotografato a viso scoperto mentre usciva da un ristorante italiano di Washington D.C.
Cina
22 ore
Non era un missile ipersonico, ma comunque nessuno lo ha visto
La conferma dal Ministero degli esteri: «Era la prova di routine di un veicolo spaziale»
MONDO
12.04.2018 - 02:000

Pena di morte, Amnesty: condanne ed esecuzioni in calo

L'associazione sottolinea che a fare grandi passi avanti è stata l'Africa subsahariana

NEW YORK - Nel 2017, rispetto ai record negativi degli ultimi anni, le esecuzioni e le condanne a morte registrate a livello globale risultano in calo. A renderlo noto è Amnesty International (AI) in occasione della pubblicazione del suo rapporto sulla pena di morte nel mondo.

AI sottolinea che lo scorso anno a fare grandi passi avanti è stata l'Africa subsahariana, «faro di speranza» dove si è registrato un significativo decremento delle condanne a morte e dove ora sono venti gli Stati abolizionisti.

Di fronte ad almeno 21.919 prigionieri in attesa di esecuzione nel mondo, Amnesty segnala tuttavia nel suo rapporto che, nonostante il calo di condanne ed esecuzioni registrato lo scorso anno, «non è il momento di abbassare la guardia», in quanto in ogni caso, nel 2017, «non sono mancate tendenze preoccupanti» circa il suo uso nel mondo.

Amnesty International ha registrato nel 2017 almeno 993 esecuzioni in 23 paesi, il quattro per cento in meno rispetto alle 1032 esecuzioni del 2016 e il 39 per cento in meno rispetto alle 1634 esecuzioni del 2015, il più alto numero dal 1989. La maggior parte delle esecuzioni ha avuto luogo, nell'ordine, in Cina - i cui dati sulle esecuzioni capitali sono tuttavia segreti e l'organizzazione denuncia che sarebbero «migliaia» - , Iran, Arabia Saudita, Iraq e Pakistan. Questi ultimi 4 Paesi sono responsabili dell'84% di tutte le esecuzioni registrate. Le condanne a morte registrate durante l'anno sono state almeno 2591 in 53 stati, un significativo decremento del 17% rispetto al numero record di 3117 condanne inflitte nel 2016.

Amnesty sottolinea che nel mondo, 142 Paesi hanno abolito la pena di morte per legge o nella pratica. Le esecuzioni sono notevolmente diminuite in Bielorussia (del 50 per cento, da almeno quattro ad almeno due), Egitto (20 per cento in meno), Iran (11 per cento), Pakistan (31 per cento) e Arabia Saudita (cinque per cento) mentre sono raddoppiate o quasi raddoppiate in Palestina (da tre a sei nella Striscia di Gaza), Singapore (da quattro a otto) e Somalia (da 14 a 24, la metà delle quali nel Puntland).

Nella regione subsahariana, la Guinea è diventata il ventesimo stato abolizionista per tutti i reati, il Kenya ha cancellato l'obbligo di imporre la pena di morte per omicidio e Burkina Faso e Ciad si stanno avviando a introdurre nuove leggi o a modificare quelle in vigore per abrogare la pena capitale.

Nel 2016, Amnesty International aveva registrato esecuzioni in cinque stati della regione, mentre nel 2017 solo in due, Sud Sudan e Somalia. La ripresa delle esecuzioni in Botswana e Sudan, nel 2018, secondo Amnesty, non deve oscurare i positivi passi avanti intrapresi da altri stati. «I progressi dell'Africa subsahariana rafforzano la posizione della regione come faro di speranza e fanno auspicare che l'abolizione di questa estrema sanzione, crudele, inumana e degradante sia in vista», ha dichiarato Salil Shetty, segretario generale di Amnesty International.

Come la Guinea, anche la Mongolia ha abolito la pena di morte per tutti i reati, mentre il Guatemala solo per i reati comuni. Il Gambia ha firmato un trattato internazionale che l'impegna a non eseguire condanne a morte in vista dell'abolizione della pena capitale. Alla fine dell'anno, 106 stati (oltre la metà del totale) aveva abolito la pena di morte per tutti i reati e 142 (oltre due terzi del totale) l'avevano abolita per legge o nella pratica.

Ma Amnesty riferisce anche che, in contrasto con quanto prevede il diritto internazionale, 15 Stati hanno emesso o eseguito condanne a morte per reati connessi alla droga, con un numero record nella regione Medio Oriente-Africa del Nord, mentre la regione Asia-Pacifico si conferma quella col maggior numero di stati che usano la pena di morte per quel genere di reati.

Amnesty International ha registrato esecuzioni per reati connessi alla droga in quattro stati: Arabia Saudita, Cina, Iran e Singapore. Iran e Malesia hanno emendato la legislazione per ridurre l'uso della pena di morte per i reati connessi alla droga. In Iran sono state inoltre eseguite almeno cinque condanne a morte nei confronti di persone che al momento del reato avevano meno di 18 anni, e nei bracci della morte di questo stato, alla fine del 2017, ve n'erano almeno altri 80.

Persone con disabilità mentale o intellettuale sono state messe a morte o sono rimaste in attesa dell'esecuzione in Giappone, Maldive, Pakistan, Singapore e Usa. AI ha anche registrato parecchi casi di persone condannate a morte dopo aver "confessato" reati a seguito di maltrattamenti e torture in Arabia Saudita, Bahrein, Cina, Iran e Iraq.

L'organizzazione sottolinea che l'impatto dei passi avanti registrati nel 2017 si vedrà nei prossimi mesi e anni, ma «la circostanza che alcuni stati abbiano compiuto passi indietro o abbiano minacciato di farlo rende la campagna per l'abolizione della pena di morte più necessaria che mai». «Negli ultimi 40 anni abbiamo assistito a mutamenti positivi rispetto all'uso globale della pena di morte, ma occorrono altre misure urgenti per fermare l'orribile pratica dell'omicidio di Stato», ha evidenziato Salil Shetty, segretario generale di Amnesty International.

Usa unico nelle Americhe - Nel 2017, per il nono anno consecutivo, nella regione delle Americhe solo gli Stati Uniti d'America hanno realizzato eseguito condanne a morte, i cui numeri (23 esecuzioni e 41 condanne) sono lievemente aumentati rispetto al 2016 ma sono rimasti in linea con le tendenze, storicamente basse, degli ultimi anni. Per il secondo anno consecutivo gli Usa non compaiono tra i primi cinque stati nel mondo per numero di esecuzioni (al settimo posto nel 2016 all'ottavo nel 2017). Nel continente americano, solo tre paesi hanno emesso condanne a morte: Guyana, Trinidad e Tobago e Usa.

L'organizzazione riporta che lo scorso anno il numero dei singoli stati degli Usa dove sono state eseguite condanne a morte è salito da cinque a otto, dato che dopo un periodo d'interruzione sono riprese le esecuzioni in Arkansas, Ohio e Virginia. Quattro stati (Idaho, Mississippi, Missouri e Nebraska), così come le corti federali, sono tornati a emettere condanne a morte, facendo salire a 15 (rispetto alle 13 del 2016) le giurisdizioni che hanno imposto la pena capitale. Carolina del Nord, Kansas e Oregon non hanno emesso condanne a morte, a differenza del 2016.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-19 16:33:14 | 91.208.130.87