Fotolia
REGNO UNITO
21.03.2018 - 10:420
Aggiornamento : 14:45

«Twitter non fa nulla per prevenire la violenza online sulle donne»

La denuncia arriva da Amnesty International ma il social, che ha dato i natali a #metoo, non ci sta

LONDRA - In piena bufera Facebook-Cambridge Analytica, anche Twitter finisce nel mirino per un rapporto di Amnesty International, secondo cui la piattaforma non riesce a prevenire la violenza online e gli abusi contro le donne, creando un ambiente tossico per loro.

Le accuse dell'organizzazione internazionale che si occupa di difesa dei diritti umani arrivano proprio nel giorno in cui Twitter compie 12 anni: il 21 marzo del 2006, infatti, Jack Dorsey, fondatore e attuale amministratore delegato, lanciò il primo tweet di prova.

Il rapporto di Amnesty - riporta il Guardian - mette in luce come il social network non abbia dato risposte adeguate quando venivano messi in evidenza abusi, anche quelli che violavano le sue stesse regole.

La conseguenza, spiega l'organizzazione, è la presenza di minacce di morte e stupro, abusi razzisti e omofobi rivolti alle donne. Un controsenso per la piattaforma che ha veicolato il movimento #metoo.

Twitter in disaccordo con Amnesty, spiega di aver apportato più di 30 modifiche alla sua piattaforma per migliorare la sicurezza.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-04 21:58:49 | 91.208.130.89