IRAQ
12.03.2018 - 16:000

30 uccisi in agguati dell'Isis

L'episodio più grave, secondo fonti di polizia, è avvenuto sull'autostrada tra Baghdad e Kirkuk

MOSUL - Almeno 30 persone sono rimaste uccisi ieri nel nord dell'Iraq in attacchi che le forze di sicurezza ritengono siano opera di miliziani dell'Isis ancora presenti in particolare nelle regioni di Mosul e Kirkuk.

L'episodio più grave, secondo fonti di polizia, è avvenuto sull'autostrada tra Baghdad e Kirkuk, dove i jihadisti hanno ucciso 15 civili e ne hanno rapiti altri 10 dopo averli fatti fermare ad un falso posto di blocco. I corpi degli uccisi sono stati dati alle fiamme.

In un villaggio vicino a Qayyara, invece, una sessantina di chilometri a sud di Mosul, miliziani armati hanno fatto irruzione nella casa di un capo tribale locale, uccidendo lui, suo figlio e sei loro ospiti. Una fonte di polizia ha detto che gli assalitori sono poi fuggiti a bordo di auto di proprietà della famiglia attaccata.
 
 

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-22 02:54:23 | 91.208.130.87