Archivio Keystone
UNGHERIA
08.03.2018 - 19:270
Aggiornamento 09.03.2018 - 07:57

Vienna «sporca», colpa della «gente di colore»

Un video elettorale, girato dal vice-premier ungherese Janos Lazar nella capitale austriaca, ha fatto scalpore a livello internazionale

BUDAPEST - Un video elettorale, girato dal vice-premier ungherese Janos Lazar a Vienna, ha fatto scalpore a livello internazionale e ha provocato uno scontro con l'Austria. Lazar, nel 10mo distretto della capitale austriaca, in veste di "corrispondente all'estero", contesta le condizioni in cui versa la città a causa degli immigrati.

«Qui si vede sporcizia ovunque e gente di colore, la criminalità è in aumento. Bianchi e cristiani sono solo i pensionati rimasti. Budapest sarà altrettanto fra poco se l'opposizione viene eletta l'8 aprile, e Fidesz non potrà più difendere il paese che rischia di diventare paese degli immigrati», dice fra l'altro sul video messo su Facebook.

L'iniziativa fa parte della campagna elettorale governativa, che mira a giocare sulle paure degli ungheresi, sollevando le conseguenze di una possibile emergenza immigrazione. Le autorità austriache hanno respinto con indignazione le affermazioni di Lazar. Renate Brauner, assessore alle Finanze della capitale, le ha qualificato come «tragicamente razziste e false», augurando che Budapest sia un giorno vivibile come Vienna adesso.

Facebook, dopo un certo tempo, ha cancellato il video come contenuto che incita all'odio. Lazar, oggi, in una conferenza stampa, ha in parte ritrattato: non voleva offendere i viennesi, ha detto, solo far vedere le possibili conseguenze dell'immigrazione incontrollata.

Tags
lazar
video
vienna
budapest
capitale
gente
colore
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -  Cookie e pubblicità online  -  Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-09-21 22:07:36 | 91.208.130.87