REGNO UNITO
23.06.2017 - 22:210

Grenfell Tower: il rogo è partito da un frigorifero difettoso

Nel frattempo la torre a Camden sarà evacuata per permettere il cambio del rivestimento termico esterno

LONDRA - Il terribile incendio della Grenfell Tower di Londra, dove sono morte almeno 79 persone, è iniziato da un "banale" frigorifero difettoso. Ad annunciarlo la sovrintendente della Met Police Fiona McCormack in una conferenza stampa a Londra dopo che dalle indagini sono emersi i primi importanti risultati. Ma sarebbe stato un problema piuttosto circoscritto, casomai a un solo appartamento, se l'edificio non fosse stato ricoperto di pannelli che si sono rivelati infiammabili nei test compiuti dalle autorità dopo la tragedia. Un mix letale che rischia di ripetersi anche in altre torri simili sparse nel Paese: è iniziata infatti una corsa contro il tempo per eliminare i rivestimenti trovati in almeno 14 strutture.

Ma desta anche preoccupazione il modello difettoso di elettrodomestico da cui si sono scatenate le fiamme. Si tratta di un Hotpoint FF175BP, realizzato secondo i media del Regno nel periodo fra il marzo 2006 e il luglio 2009 dalla Indesit e venduto col marchio britannico Hotpoint prima dell'acquisizione da parte del colosso americano Whirlpool.

La società produttrice del frigorifero ha invitato i suoi clienti a segnalare all'azienda - attraverso il suo sito internet o via telefono - l'eventuale possesso dei modelli FF175BP (quello sotto accusa, che sarebbe stato di colore bianco) e FF175BG (di colore grigio grafite). Alcuni testimoni avevano rivelato subito dopo la tragedia che uno dei residenti riteneva che l'incendio fosse divampato a causa di un suo elettrodomestico difettoso.

La sovrintendente della Met Police, oltre a ribadire che il bilancio resta fermo a 79 morti, ha sottolineato che i test di sicurezza condotti come parte dell'indagine sono stati su «scala ridotta» ma hanno permesso di accertare che il rivestimento con funzione isolante della torre era infiammabile, come si temeva. E fra le accuse che la polizia sta valutando nel suo dossier c'è anche quella di omicidio colposo che potrebbe scattare qualora si scoprisse che i pannelli sono stati piazzati benché si sapesse che avrebbero potuto causare un disastro.

Intanto continuano ad essere condotti i controlli sugli altri edifici con caratteristiche simili alla Grenfell Tower a Londra e nel resto del Paese: in almeno 14 casi sono state trovate strutture a rischio dove vivono centinaia di persone e alcuni media affermano che i residenti potrebbero essere evacuati.

Opzione che si cerca comunque di evitare e in alcuni casi sono stati direttamente tolti i rivestimenti, come accaduto a Salford (Greater Manchester), dove ci sono ben nove torri residenziali a rischio e una serie di indagini sono in corso nella capitale e in altre località del Paese. Cresce però l'ansia fra i tanti inquilini che si sentono all'interno di una potenziale trappola mortale e che chiedono alle autorità di intervenire al più presto possibile per rendere sicure le loro abitazioni. Pare proprio che il rogo della Grenfell Tower abbia messo in seria discussione il 'mito' dell'abitare su una torre che domina interi quartieri.

Cambio del rivestimento a Camden - Centosessantuno appartamenti in una torre a Camden, quartiere settentrionale di Londra, saranno evacuati dopo che è stato scoperto un tipo di rivestimento simile a quello presente nella Grenfell Tower, nel cui incendio sono morte 79 persone. Lo scrive la Bbc.

Il consiglio municipale di Camden ha stabilito che gli abitanti di una delle cinque torri del complesso Chalcots saranno trasferiti per consentire di rimuovere il rivestimento termico esterno. Saranno inoltre effettuati controlli periodici per rassicurare gli abitanti.

La presidente del consiglio Georgia Gould ha precisato che i vigili del fuoco hanno compiuto un sopralluogo insieme ad altri tecnici ed è stato deciso di intraprendere lavori urgenti per garantire la sicurezza. Secondo la Gould, saranno necessarie dalle tre alle quattro settimane.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-12 10:50:19 | 91.208.130.89