keystone
TAIWAN
24.05.2017 - 11:220
Aggiornamento : 12:04

Via libera della Corte costituzionale ai matrimoni gay

Chiesto al Parlamento di emendare il codice civile in questo senso entro due anni

TAIPEI - La Corte costituzionale di Taiwan si è espressa in favore di matrimoni fra persone dello stesso sesso e ha quindi chiesto al Parlamento di emendare il codice civile in questo senso entro due anni.

La Corte costituzionale di Taiwan ha deliberato a favore della legittimità dei matrimoni gay, facendo dell'isola il primo paese dell'Asia a riconoscere ufficialmente i legami tra persone dello stesso sesso.

La Corte, in un atteso responso, ha affermato che il codice civile in vigore, non permettendo le nozze omosessuali in quanto riconosce solo quelle contratte tra un uomo e una donna, viola due articoli della costituzione della Repubblica di Cina, il nome ufficiale di Taiwan.

Le autorità devono rendere esecutive o modificare le relative leggi, in base alla decisione della Corte, nell'arco temporale di due anni senza che le coppie dello stesso sesso debbano presentare documenti per vedere il loro matrimonio riconosciuto.

 

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-29 00:51:47 | 91.208.130.85