STATI UNITI
31.01.2017 - 17:110

Protesta anti-Trump, New York si prepara

Il 20 febbraio, "President's Day", gli oppositori scenderanno in piazza

NEW YORK - Al grido di "Not My President", New York si prepara ad una grande mobilitazione fissata per il 20 febbraio. Una data non casuale. Il 20 febbraio è il giorno infatti in cui si festeggia il "President's Day", quindi la Grande Mela in quel giorno ha scelto di non onorare il suo presidente.

L'appuntamento è di prima mattina sotto la Trump Tower sulla Quinta Strada. «Donald Trump non rappresenta i valori progressisti di New York - scrivono gli organizzatori su Facebook - non lo onoreremo nel President's Day. Anche se tecnicamente e letteralmente è il nostro presidente, a livello simbolico deve ancora dimostrare che intende servire tenendo in mente i nostri interessi».

In attesa del 20 febbraio, a New York ci saranno proteste per tutto il mese. Già da oggi a Brooklyn, dove i manifestanti chiederanno al senatore democratico di New York Chuck Schumer di portare avanti la sua resistenza contro l'amministrazione Trump. Domani invece la protesta si sposta a Lower Manhattan, a Foley Square, quartier generale del movimento Occupy Wall Street, per dire no al provvedimento che mette al bando l'ingresso negli Stati Uniti dei mussulmani provenienti da sette paesi.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-07 20:17:24 | 91.208.130.86