RUSSIA
17.01.2017 - 15:120
Aggiornamento : 16:12

Putin: «Difficilmente si può immaginare che Trump abbia incontrato prostitute»

MOSCA - "I committenti delle notizie false" sul presidente eletto americano Donald Trump, "che le fabbricano, le usano nella lotta politica, sono peggio delle prostitute e non hanno alcun limite morale": lo ha dichiarato il leader del Cremlino, Vladimir Putin, citato da Interfax.

Secondo Putin, "difficilmente si può immaginare" che Trump abbia incontrato "le ragazze con un livello basso di moralità" poiché in Russia si occupava dell'organizzazione di un concorso di bellezza.

"Non lo conosco né ho motivi per difenderlo" - Vladimir Putin dice di non conoscere Donald Trump e di non avere quindi "nessun motivo né per attaccarlo né per criticarlo né per difenderlo". Poi bolla come "evidentemente false" le notizie secondo le quali i servizi segreti russi avrebbero spiato il tycoon americano quando si trovava a Mosca e la Russia avrebbe quindi dati compromettenti sul suo conto.

"Io - ha detto Putin durante una conferenza stampa - non conosco il signor Trump, non l'ho mai incontrato, non so cosa farà in ambito internazionale, perciò non ho nessun motivo né per attaccarlo né per criticarlo né per difenderlo in alcun modo. Non ci rivolgeremo neanche al comitato del premio Nobel perché sia insignito del premio Nobel per la Matematica, per la Fisica o per qualsiasi altra materia, non ne ho ragione".

Il leader del Cremlino ha quindi ricordato che quando è arrivato a Mosca, Trump "non era affatto un politico" ma "solo un imprenditore, uno dei ricchi americani": "Possibile - ha proseguito - che qualcuno pensi che da noi i servizi seguano ogni miliardario americano? È semplicemente un totale delirio".

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-21 13:03:27 | 91.208.130.87