MONDO
12.04.2016 - 13:590

L'Europa rischia di diventare «un campo profughi a cielo aperto»

L'allarme è di Loris De Filippi, presidente di Medici senza Frontiere

ROMA - Con la bella stagione e la chiusura della rotta balcanica l'Europa "rischia di diventare un campo profughi a cielo aperto": l'allarme è di Loris De Filippi, presidente di Medici senza Frontiere.

"Ci apprestiamo a tornare nel Mediterraneo centrale a soccorrere le persone - ha detto a margine di una conferenza stampa a Roma - consapevoli del fatto che se le persone vengono bloccate sulla rotta balcanica troveranno sicuramente delle altre vie per giungere da noi".

"Credo che l'Europa abbia fatto un calcolo cinico ma molto ottuso, bloccando quella rotta invece di risolvere la situazione con i ricollocamenti o con altre misure. Sono dell'idea che l'Europa meridionale subirà ancora gli arrivi e questa volta la notizia sconvolgente è che l'Austria sta chiudendo le frontiere al Brennero e Ventimiglia lo farà molto probabilmente presto" ha concluso.

Msf ha deciso di tornare con le sue navi in mare, "perché il numero delle navi che fanno soccorso sembra insufficiente. Per tre mesi saremo in mare e poi verificheremo se continuare" ha precisato.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-18 23:44:27 | 91.208.130.89