Immobili
Veicoli
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
REGNO UNITO
6 ore
«A Downing Street si beveva ogni venerdì sera»
Il "Partygate" continua far discutere: mentre Johnson pensa a licenziamenti e divieti, molti chiedono la sua rimozione
STATI UNITI
7 ore
Sempre più americani «frustrati» dall'amministrazione Biden
Il 19 gennaio si terrà la conferenza stampa di bilancio del primo anno alla Casa Bianca
STATI UNITI
8 ore
Il sequestratore della sinagoga era britannico
La conferma del Foreign Office, che non ha rivelato la sua identità
SVEZIA
9 ore
Un drone misterioso sopra la centrale nucleare
Nonostante l'utilizzo di elicotteri e di droni, gli agenti non hanno trovato né il drone né il suo proprietario
STATI UNITI
9 ore
«Questo virus rimarrà con noi, probabilmente per sempre»
Parola di Robert Wachter, una delle voci più ascoltate sulla pandemia negli Usa
FOTO
HONDURAS
12 ore
Migranti, carovana bloccata al confine con il Guatemala
Incidenti con la polizia di frontiera, il bilancio provvisorio è di 15 feriti
UCRAINA
13 ore
Attacco informatico: Kiev dice di avere le «prove» che c'entri la Russia
«Mosca sta continuando a condurre una guerra ibrida», secondo il Dipartimento per la Trasformazione digitale
FOTO E VIDEO
OCEANO PACIFICO
13 ore
Timori per Tonga: «Preghiamo e speriamo che tutti siano al sicuro»
Non sono ancora arrivati rapporti dettagliati dal Paese insulare, che ha subito però gravi danni
ITALIA
15 ore
L'ondata di Omicron «finirà solo dopo che le masse saranno state infettate»
Lo scienziato israeliano Cyrille Cohen invita a non sottovalutare la variante, «proprio perché è altamente contagiosa»
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
L'Austria conferma l'obbligo vaccinale
Covax ha distribuito un miliardo di vaccini in 144 Paesi.
STATI UNITI
16 ore
Il ritorno di Trump: «Riprendiamoci l'America»
Durante un comizio in Arizona ha rispolverato tutti i suoi argomenti da campagna elettorale
VIDEO
MESSICO
17 ore
Così i Narcos bombardano con il drone
La guerra per la supremazia fra i cartelli del narcotraffico passa anche dall'aria, come mostra un video virale sul web
BELGIO
22.03.2016 - 20:270

Colpire prima che Salah Abdeslam parli. Da Parigi a Bruxelles, il disastro dell'intelligence

Questo è una delle regioni che possono spiegare gli attentati di Bruxelles messi in atto pochi giorni dopo l’arresto dell’ex ricercato numero uno

BRUXELLES - Arrestato venerdì a Bruxelles, Salah Abdeslam ha comunicato nel primo interrogatorio di sabato che collaborerà con la giustizia belga. Un messaggio ricevuto forte e chiaro anche dai terroristi ancora in libertà. Come ricorda il Corriere della Sera, Abaaoud aveva spiegato che in Europa c’erano «90 soldati del Califfato, uomini che si sarebbero infiltrati nel 2015». Fra questi uomini, quelli che ancora si aggirano nelle città europee possono quindi aver deciso di muoversi prima che Salah Abdeslam sveli informazioni importanti, che possono mettere a rischio eventuali imminenti piani, o indicazioni utili per individuate gli stessi terroristi.

Secondo l'esperto di terrorismo Rolf Tophoven, citato dall'agenzia stampa Dpa, gli attacchi di Bruxelles sarebbero invece una chiara risposta alla cattura di Salah Abdeslam. La cellula dell'Isis belga avrebbe voluto mostrare che non è stata messa in ginocchio.

Il network dell'Isis, Amaq news, nella rivendicazione in francese degli attentati nella capitale belga parla di "Una cellula segreta" che ha colpito Bruxelles. «Quello che vi aspetta sarà ancora più duro e amaro», recita il testo.

Da Parigi a Bruxelles,il disastro dell'intelligence - Dal 7 gennaio del massacro di Charlie Hebdo, al 13 novembre della mattanza di Parigi, al 22 marzo delle stragi di Bruxelles. Dal coprifuoco decretato nella capitale belga a fine novembre, alla fuga di quattro mesi di Salah Abdeslam. Gli oltre 160 morti e le centinaia di feriti di Parigi e Bruxelles sono la prova del naufragio dell'intelligence belga ed europea.

Gli 007 belgi sono stati sommersi di critiche per i flop a ripetizione nella caccia a Salah, rimasto sempre nascosto da amici e fiancheggiatori a Molenbeek. Ma anche la collaborazione tra servizi europei si è dimostrata fallimentare. A nulla sono serviti gli inviti a "rafforzare la cooperazione" lanciati già a gennaio 2015 dai ministri degli Esteri europei, quando Paolo Gentiloni indicava le "gelosie dei servizi" come il principale problema irrisolto. Ai primi di dicembre, dopo le stragi di Parigi, è emerso che i nomi dei fratelli Abdeslam, il Brahim che si era fatto esplodere a Parigi ed il Salah che ci aveva ripensato, erano stati segnalati da mesi all'Europol. Eppure avevano viaggiato indisturbati per mesi. Ed il coordinatore dell'antiterrorismo europeo, Gilles de Kerchove, ancora a dicembre era costretto a ricordare che "la cosa più importante è rafforzare l'immissione dei dati" nel database europeo Sis II.

La nascita di un servizio di intelligence europeo resta però un'utopia. A gennaio presso l'Europol è stato avviato lo Ecdc (centro di eccellenza antiterrorismo europeo). Ma non è neppure l'abbozzo di quella Fbi europea che in realtà "non è consentita dai Trattati", che riservano ai singoli Stati le competenze in materia di sicurezza, come osservato da de Kerchove.

E se anche gli attentati hanno spinto alla collaborazione diretta bilaterale tra Francia e Belgio, i servizi di informazione di Bruxelles sono sotto accusa. Troppo frammentati, incapaci di dialogare tra loro, a perfetta immagine di uno Stato federale diviso dalla lingua, con livelli sovrapposti - comunali, regionali e federali - di governo e burocrazia. Quattro giorni fa veniva celebrata come una vittoria la cattura di Salah Abdeslam. Ma veniva anche lasciato a livello 3 su 4 il livello di minaccia terroristica. Ed appena la settimana scorsa la televisione pubblica belga aveva rivelato che in un documento della Commissione P (il servizio di indagine interna della polizia) presentato in un'audizione parlamentare a porte chiuse erano emerse palesi "mancanze e debolezze", alcune delle quali persino "tecnologiche" e "rimaste irrisolte" per problemi di budget e mancanza di personale qualificato.

Eppure il Belgio è il paese con il più alto numero percentuale di foreign fighter: oltre 40 per milione di abitanti, più del doppio della Francia. "I belgi hanno davvero un problema enorme. I numeri delle persone da controllare sono semplicemente strabordanti", ha indicato Matthew Levitt, direttore del programma per l'antiterrorismo e l'intelligence del Washington Institute for near east policy. "Hanno realizzato solo nell'ultimo anno che non hanno soltanto un problema di persone radicalizzate e che ritornano nel paese, ma anche di gente che non parte e può compiere attacchi a casa".


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-17 02:01:40 | 91.208.130.86