ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
16enne muore accoltellato in una rissa: tutti facevano video senza intervenire
STATI UNITI
8 ore
Trump contro i senzatetto: «Rovinano il prestigio delle città»
ITALIA
9 ore
Prove di dialogo tra Conte e Macron
STATI UNITI
10 ore
La Fed taglia (ancora) i tassi e fa arrabbiare Trump
STATI UNITI
11 ore
«Il muro mette a rischio i siti archeologici dell'Arizona»
NIGERIA
11 ore
Donne in piazza contro i "killer degli hotel"
KENYA
11 ore
Questo cucciolo di zebra non ha le strisce, è a pois
STATI UNITI
12 ore
L'appello di Greta al Congresso: «Ascoltate la scienza»
REGNO UNITO
12 ore
Immagine neonazi contro Harry in tv, la Bbc si scusa
STATI UNITI
13 ore
I 75 miliardi immessi dalla Fed nel sistema finanziario Usa stanno dando i loro frutti
SPAGNA
13 ore
La Spagna torna al voto, Sánchez chiede una «maggioranza più chiara»
ITALIA
13 ore
Oscurato Xtream Codes, trasmetteva il calcio pirata via web
FRANCIA
14 ore
Al vertice del Consiglio d'Europa solo donne: è la prima volta
STATI UNITI
14 ore
Aborti al minimo dalla legalizzazione del 1973
ISRAELE
15 ore
Lieberman: «Un governo con Likud e Blu e Bianco è l'unica opzione»
MONDO
15.01.2016 - 18:040

Rapporto Ocse: "È un Mondo per vecchi"

Due persone su dieci nel 2050 saranno over 60. Per la prima volta saranno più degli under 16

PARIGI - Sempre più 'smart' e in salute, gli anziani continuano a guadagnare terreno e non solo nei Paesi industrializzati. Ad oggi, nel mondo, gli "over 60" sono 868 milioni, pari al 12% della popolazione ma entro il 2050 saranno oltre 2,4 miliardi, ovvero due persone su dieci. E, per la prima volta, supereranno il numero degli "under 16". A dirlo è il Rapporto Ocse 'Insights: Ageing debate the Issues', pubblicato sul sito dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

Risapute le cause. Si fanno sempre meno figli, tanto che in zona Ocse sono passati da 2,7 a donna nel 1970 a 1,7 nel 2011, ovvero sotto il tasso di sostituzione della popolazione. In compenso è aumentata l'aspettativa di vita media: tocca gli 80 anni ed è cresciuta di ben dieci anni dal 1960.

Ma, per avere un'idea delle conseguenze in prospettiva, basti pensare che in Gran Bretagna nel 2050 si conteranno ben 300'000 centenari. L'inarrestabile 'marcia dei nonni', vede però "sistemi sanitari impreparati", denuncia l'Ocse, che sottolinea come la demenza, che interessa oggi 47 milioni di persone al mondo, sia stata "affrontata in modo inadeguato". Un problema da affrontare fornendo agli operatori sanitari strumenti specifici, visto che che questa malattia colpirà ben 76 milioni di persone entro il 2030.

Così come da rivedere, sottolinea l'Ocse, sono i sistemi di previdenza sociale: per renderli sostenibili bisogna spostare in avanti il numero di anni durante i quali versare i contributi. In compenso cambia anche la figura dell'anziano, sempre più 'smart', sano e produttivo, sottolinea il rapporto. Uno studio tedesco, i cui risultati sono riferibili anche ad altri Paesi dello stesso livello di sviluppo come l'Italia, stima che dopo il 2050 un terzo dei tedeschi "over 50" avrà un titolo di studio elevato, contro l'attuale proporzione di un quinto, con conseguenti positive ricadute sullo stato di salute. Anche oggi comunque i senior dichiarano di non passarsela male: due "over 65" su cinque nei Paesi Ocse si ritengono in buona salute.

Commenti
 
siska 3 anni fa su tio
... senza spregio alla mia vita e alla vita stessa preferirò andarmene prima dei settant'anni ( n.b. nel 2050 supererei gli 85 anni) cosicché saprò perfettamente di levarmi di torno e non dare fastidio a questa società che non ama più i vecchi o vecchini e vuole solo forza lavoro.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 07:16:14 | 91.208.130.86