ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
BARI,
21.09.2009 - 20:240
Aggiornamento : 23.11.2014 - 15:50

Italia: Tarantini ai domiciliari a Roma

BARI, - Non vuole fuggire né inquinare le prove. Può solo reiterare il reato di spaccio di droga. Per questo il fermo dell'imprenditore barese Gianpaolo Tarantini non deve essere convalidato e la detenzione in carcere può essere sostituita con quella più soft degli arresti domiciliari, non nell'abitazione di Giovinazzo (Bari) ma in quella di Roma dove Tarantini vive con la moglie e le due figliolette.

Ha spiazzato e deluso la procura la decisione del giudice delle indagini preliminari (gip) del tribunale di Bari Vito Fanizzi che ha spazzato via il decreto di fermo emesso il 18 settembre scorso per il trentaquattrenne diventato famoso per aver inviato escort e ragazze immagine nelle residenze del premier. La decisione del gip "é più di una mezza sconfitta", ammette il procuratore della Repubblica, Antonio Laudati, che allarga le braccia e ricorda che, oltre alla vicenda dello spaccio della cocaina, alla quale fa riferimento l'arresto, Tarantini è coinvolto anche nelle indagini sulle escort inviate a politici bipartisan e sul giro di mazzette elargite a medici e dirigenti sanitari per indurli ad acquistare dalle sue aziende protesi sanitarie.

Il giudice Fanizzi ha liquidato il provvedimento con due paginette e mezzo scritte di proprio pugno in carcere subito dopo l'udienza di convalida del fermo. "Nell'ordinanza - spiega il legale dell'arrestato, Nicola Quaranta, che lo assiste assieme a Nico D'Ascola - il gip ha riconosciuto la 'leale collaborazione dell'indagato", cioé ha ritenuto che Tarantini non abbia mentito al pm inquirente Giuseppe Scelsi cercando di minimizzare le proprie responsabilità" sul quantitativo di droga acquistata dal suo pusher di fiducia, Nico. "Sono molto soddisfatto. E' emersa la verità" dice l'imprenditore barese.

Secondo l'accusa, e in base a quello che ha confessato il pusher Nico, Tarantini ha acquistato circa 300 grammi di cocaina da maggio a settembre 2008, ma negli interrogatori ha detto il falso ammettendo di averne presi solo 50-70 grammi. "Da maggio a settembre 2008 - avrebbe detto oggi Tarantini al giudice - ho acquistato da Nico 237 grammi di cocaina, ma con riferimento alla sola vacanza in Sardegna, durante i week end di luglio e dal 3 al 26 agosto 2008, ho acquistato complessivamente 120-130 grammi di droga, cioé poche decine di grammi in più di quello che avevo già ammesso". Il gip gli ha creduto: ha confermato i gravi indizi di colpevolezza, ha ipotizzato che può reiterare il reato, ha escluso l'aggravante che lo spaccio di droga potesse favorire l'attività di prostituzione delle ragazze della sua 'scuderia', e lo ha mandato ai 'domiciliari'.

"Noi la pensiamo in maniera diversa da come l'ha pensata il gip, verso il quale abbiamo il massimo rispetto", dice il procuratore Laudati. "Prendiamo atto con doveroso rispetto della decisione del giudice - aggiunge - ci rimbocchiamo le maniche e ce le rimboccheremo ancora di più, per cercare di tutelare quello che noi consideriamo un possibile inquinamento della prova" in atto. Per quanto riguarda i domiciliari - secondo il procuratore - "in qualche modo tutelano le esigenze cautelari" ma è chiaro che "il provvedimento del gip determinerà da parte nostra una modifica della strategia investigativa sia per quanto riguarda i tempi sia per quanto riguarda gli atti" del procedimento.



ATS
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-25 23:35:13 | 91.208.130.86