ROMA
28.08.2009 - 11:240
Aggiornamento : 21.11.2014 - 19:45

Berlusconi querela "La Repubblica", mi diffama

ROMA - Le dieci domande rivolte al premier italiano sono "diffamatorie". È la ragione per la quale Silvio Berlusconi ha deciso di querelare il quotidiano "la Repubblica", chiedendo un risarcimento di un milione di euro al Gruppo L'Espresso. La notizia della citazione è riportata sulla prima pagina del quotidiano diretto da Ezio Mauro.

Il presidente del Consiglio ha scelto di rivolgersi ai giudici a causa delle domande formulate il 26 giugno da Giuseppe D'Avanzo e per un articolo pubblicato il 6 agosto dal titolo ""Berlusconi ormai ricattabile, media stranieri all'attacco: Nouvel Observateur teme infiltrazioni della mafia russa".

Ma il cardine dell'iniziativa giudiziaria intentata dal presidente del Consiglio, riferisce l'articolo pubblicato oggi in seconda pagina dalla "Repubblica", sono però le domande rivolte a Silvio Berlusconi, "ripetutamente pubblicate sul quotidiano" e "per più di sessanta giorni", come sottolineano i suoi avvocati.

Si tratta, secondo il parere dei legali del premier, di "domande retoriche" che "non mirano ad ottenere una risposta del destinatario, ma sono volte a insinuare nel lettore l'idea che la persona 'interrogatà si rifiuti di rispondere".



ATS

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-07 04:11:35 | 91.208.130.85