ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Trentenne muore dopo aver partecipato ad una "Festa Covid"
In fin di vita, il ragazzo ha dichiarato: «Ho fatto un errore. Credevo fosse una bufala»
POLONIA
2 ore
La Polonia sceglie il suo presidente
I sondaggi della vigilia pronosticano un testa a testa tra il presidente uscente e il sindaco di Varsavia.
CINA
3 ore
Trema la terra a Tangshan
Il sisma di magnitudo 4.7 non ha provocato né danni, né feriti.
MONDO
3 ore
Nuovo record di casi
L'Oms lancia l'allarme e comunica pure il numero dei decessi: oltre 5'500 in un solo giorno.
ISRAELE
13 ore
Gli aiuti non arrivano, proteste in Israele
In 30mila in piazza a Tel Aviv, i manifestanti chiedono le dimissioni di Netanyahu
BOSNIA-ERZEGOVINA
15 ore
Cosa succede nei Balcani?
Nell'anniversario di Srebrenica continuano ad accelerare i contagi. In Bosnia raggiunto un nuovo picco giornaliero
REGNO UNITO
16 ore
Covid, gli inglesi si mettono a dieta
Il governo di Londra dichiara guerra all'obesità, per prevenire la seconda ondata di coronavirus
FRANCIA
16 ore
Autista ucciso per le mascherine: la Francia è sotto shock
Picchiato selvaggiamente da dei giovani a cui aveva impedito di salire sul bus. Il governo: «Punizione esemplare»
ITALIA
18 ore
Il virus rallenta in Italia
Sono 88 meno di ieri, e diminuiscono anche i decessi
GIAPPONE
18 ore
Anche i marines si ammalano di Covid
Decine di casi in una base americana a Okinawa. Le autorità giapponesi sono preoccupate
ITALIA
21 ore
Reddito di cittadinanza, beccati due "furbetti"
Un 48enne in odore di Mafia a Corleone e una 60enne che gestiva una casa di riposo a Rimini sono stati denunciati.
Dal Mondo
05.06.2005 - 18:000
Aggiornamento : 13.10.2014 - 14:02

Votazioni federali: sì a Schengen e alle unioni gay

BERNA - Dopo il "no" di Francia e Olanda alla costituzione europea, c'era chi temeva un terzo schiaffo all'UE nel giro di una settimana. Ma così non è stato: l'elettorato svizzero ha infatti approvato oggi in votazione popolare la partecipazione agli accordi di Schengen e Dublino con una percentuale del 54,6%. Più forte il "sì" al secondo oggetto della votazione, ossia la legge sull'unione registrata per partner omosessuali, che si è attestato al 58%. Relativamente alta l'affluenza alle urne, risultata del 55,7%.

Dopo una girandola di sondaggi che nelle settimane precedenti il voto avevano segnalato una significativa erosione di consensi, gli accordi di Schengen e Dublino, che comporteranno in particolare l'abolizione dei controlli sistematici alle frontiere, sono stati approvati con 1'474'704 voti contro 1'226'449.

La geografia del voto mostra un paese spaccato a metà, con la parte orientale tendenzialmente contraria a Schengen e quella occidentale favorevole. La linea di demarcazione non segue il cosiddetto "Röstigraben", ossia il confine linguistico tra svizzero tedeschi e romandi, come si era invece verificato nel 1992 in occasione della votazione sullo Spazio economico euopeo.

Quattordici tra cantoni e semicantoni si sono schierati sul fronte degli anti-Schengen: campione del "no" è risultato Appenzello interno, che ha spazzato via gli accordi con il 68,5% dei voti. Seguono a ruota il Ticino e Svitto (entrambi con una percentuale del 61,9%), Uri (61,8%) e Glarona (60,8%). Nei Grigioni i contrari si sono attestati al 55,4%, mentre a Lucerna l'esito del voto è stato incerto fino all'ultimo: i "no" hanno finito col prevalere nella misura del 50,4%. Risultati relativamente equilibrati si sono registrati anche ad Argovia (51,6% di pareri contrari) e San Gallo (53%).

L'accettazione degli accordi di Schengen e Dublino su scala nazionale si deve in gran parte al forte sostegno manifestato dalle città e dalla Svizzera romanda. Dei 12 cantoni che si sono espressi a favore, il più entusiasta è stato Neuchâtel con una maggioranza del 70,9%: ampio tuttavia è stato il consenso anche a Vaud (67,5%), Basilea Città (64,6%), Ginevra (62,9%) e Giura (60,9%). Poco sotto la soglia del 60% di pareri favorevoli si sono collocati Friburgo (59,3%), Basilea Campagna (58,3%) e due "pesi massimi", quanto a numero di abitanti, come Zurigo (57,9%) e Berna (56,8%). Sempre nel campo dei favorevoli si annoverano Vallese (53,5%), Zugo e Soletta (entrambi 53,4%).

Quanto alle unioni omosessuali, i rapporti di forza sono stati subito chiari: la legge federale sull'unione domestica registrata è infatti stata accolta con 1'557'671 voti contro 1'126'578. La Svizzera diventa così il primo paese ad accettare in votazione popolare il riconoscimento giuridico delle coppie dello stesso sesso. La mappa del voto evidenzia una situazione diversa rispetto a quella riscontrata per Schengen, ma anche in questo caso si è assistitito a un conflitto tra regioni periferiche, più tradizionaliste, e centri urbani, più moderni e dove più forte è la spinta innovativa.

Le unioni gay hanno raccolto un massimo di consensi a Basilea Città (68,6%) e Campagna (65,9%), Zurigo (64,3%), Zugo (62,7%), Ginevra (61,7%) e Vaud (60,6%). Con percentuali vicine al 60% hanno detto "sì" anche Sciaffusa (59,7%), Soletta (59,3%), Argovia (59,1%) e Berna (58,0%), mentre timido è stato il voto favorevole a Friburgo (52,4%) e soprattutto a Obvaldo (50,5%) e Glarona (50,1%).

Sul fronte del "no" si ritrovano invece Appenzello interno (con una percentuale di voti contrari del 58,4%), Vallese (55,2%), Ticino (53,2%), Turgovia (52,3%), Uri (51,8%), Giura (50,8%) e Svitto (50,4%).

L'affluenza alle urne è stata la più alta dal marzo del 2002, quando si è votato sull'adesione all'ONU (58% di partecipazione). Come di consueto, il dato più alto risulta quello di Sciaffusa (71%), dove il voto è obbligatorio, davanti ad Appenzello esterno, Svitto e Zugo, con percentuali del 62%. Anche tra i cantoni tradizionalmente astensionisti, la mobilitazione è stata relativamente forte: i vallesani hanno per esempio fatto segnare una partecipazione del 56% e i ticinesi del 51,8%.



ATS

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-12 12:15:44 | 91.208.130.89