Dal Mondo
05.07.2002 - 16:300
Aggiornamento : 13.10.2014 - 13:47

COMO: O.k alla bozza di accordo per la recupero di Sant'Abbondio

Il Comitato per l'Accordo di Programma per la ristrutturazione e il recupero conservativo del chiostro ha approvato oggi la bozza dell'Accordo stesso che sarà sottoscritto entro poche settimane

COMO - Il Comitato per l'Accordo di Programma per la ristrutturazione e il recupero conservativo del chiostro di S. Abbondio a Como ha approvato oggi la bozza dell'Accordo stesso, che sarà sottoscritto entro poche settimane, una volta completati gli ultimi adempimenti formali. Alla riunione del Comitato, presieduto dall'assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Regione Lombardia, Ettore A. Albertoni, hanno partecipato Edgardo Arosio, assessore alla Cultura della Provincia di Como, Fulvio Caradonna, assessore ai Lavori pubblici del Comune di Como, Anna Veronelli, assessore all'Università del Comune di Como e Giorgio Conetti, Pro Rettore dell'Università dell'Insubria. Oggetto dell'Accordo di Programma è il terzo lotto di lavori per la ristrutturazione e il recupero conservativo del Chiostro di S. Abbondio da destinare a sede della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università dell'Insubria. Gli interventi da realizzare comprendono "tutte le opere impiantistiche e di finitura, comprese quelle da realizzare nelle aree pertinenziali, necessarie all'insediamento e alla funzionalità in base alle esigenze universitarie". Il costo previsto per questi lavori è di 5.681.398,72 euro, ripartiti tra Regione Lombardia (2.970.000,00 euro) - che ha tra l'altro inserito l'intervento nel Piano infrastrutture del Documento di Programmazione Economica e Finanziaria Regionale, assegnandogli così una importanza strategica - e Provincia di Como (2.711.398,72 euro). Nel testo dell'Accordo si dà atto inoltre delle opere già completate o in fase di completamento, relative ai primi due lotti dei lavori, a carico del Comune di Como (1.173.035,07euro) e dell'Università (1.545.518,01 euro). Per quanto riguarda i tempi, la conclusione dei lavori è prevista per i primi mesi del 2006. Entro una o due settimane al massimo, come ha confermato l'assessore Albertoni nel corso dell'incontro, la Giunta regionale approverà una delibera, già firmata dallo stesso assessore, con il testo dell'Accordo. A quel punto, tutti gli adempimenti saranno stati completati e potrà essere fissata una data per la sottoscrizione, presumibilmente già entro il mese di luglio. Nell'esprimere la propria soddisfazione per l'intesa raggiunta oggi, l'assessore Albertoni ha sottolineato "la rapidità con cui sono stati compiuti tutti i passi per giungere alla firma dell'Accordo, ormai imminente, a partire dalla prima riunione che si è tenuta solo pochi mesi fa, e cioè nell'ottobre del 2001". "La felice conclusione di questo lavoro - ha proseguito Albertoni - rappresenta un modello del tipo di politica che la Regione Lombardia vuole perseguire, basata sulla sussidiarietà e il partenariato tra istituzioni e autonomie funzionali". "Gli interventi che saranno realizzati - ha detto ancora Ettore Albertoni - permetteranno non solo di recuperare un patrimonio morale e artistico degradato, ma di offrire a Como una sede accademica di alta cultura, ricerca e formazione".

di Bob Decker


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-14 19:46:23 | 91.208.130.85