Fooby
ULTIME NOTIZIE Cucinare con Fooby
Cucinare con Fooby
5 gior
Na, na, naan
L’India è ben 80 volte più grande della Svizzera e più di un terzo della popolazione è vegetariana.
Cucinare con Fooby
1 sett
Dei lauti pasti per rimanere in forma: il giusto mix di sostanze nutritive
Per fare sport il tuo corpo ha bisogno di energia. Ma se non esageri con gli allenamenti bastano dei pasti ­adeguati...
Cucinare con Fooby
2 sett
La Pasqua si avvicina e la primavera si risveglia
Per molti di noi la Pasqua è sinonimo di un bel capretto e poi magari si va alla ricerca di uova e coniglietti...
Cucinare con Fooby
3 sett
La cipolla: un tuttofare a strati
Ci fa piangere e lascia un retrogusto che non piace a tutti. Ciononostante amiamo la cipolla.
Cucinare con Fooby
1 mese
L’ambasciatore profumato della primavera
Se ti viene l’acquolina quando cammini per il bosco perché profuma di bruschette...
Cucinare con Fooby
1 mese
Che acidità
Durante la pandemia in molti hanno iniziato a fare il pane in casa, ­soprattutto con la pasta madre.
Cucinare con fooby
1 mese
I gambi verdi dalle mille vitamine
Chi pensa che il porro sia un ortaggio di poco conto si ­sbaglia, perché in realtà ha molte virtù
Cucinare con Fooby
1 mese
Bevande esotiche
Senza gli squisiti prodotti esotici le nostre bevande calde sarebbero estremamente noiose: prima che i colonialisti...
Cucinare con Fooby
2 mesi
Radice prodigio
Lo zenzero non è soltanto un chiodo fisso della cucina asiatica, bensì anche una panacea per la salute da millenni.
CUCINARE CON FOOBY
2 mesi
Stai ancora cercando il menu ideale per il giorno di San Valentino?
Prepara con magica dedizione una pietanza che non sia solo ­squisita, ma che dia anche slancio alla libido.
Cucinare con Fooby
2 mesi
È ancora capodanno
Venerdì 12 febbraio la Cina lascerà l’anno del Topo e a suon di won ton accoglierà l’anno del Bue!
Cucinare con Fooby
2 mesi
Un tocco esotico
Se già non è possibile viaggiare in posti lontani, bisogna almeno ­portare qualcosa di esotico in tavola
Cucinare con Fooby
2 mesi
Tutti fusi
Di fondue, raclette e altre svizzerissime abitudini: diverbi attorno al tavolo della convivialità.
Cucinare con Fooby
3 mesi
Un brivido caldo
Calda, densa e decorata con deliziosi ingredienti aggiuntivi: la zuppa è un pasto molto spesso sottovalutato.
Cucinare con Fooby
3 mesi
Prova vegan
Novembre, dicembre, Veganuary, febbraio è il calendario di alcune persone...
Cucinare con Fooby
11.12.2020 - 09:180

Pregustare il Natale

Bussola per i re magi, decorazione natalizia o addobbo per l’alberello: la stella è un simbolo immancabile dell’Avvento.

Non appena la cucina comincia a profumare di anice, cannella e cioccolato, ci sentiamo magicamente trasportati indietro nell’infanzia. Ma la storia dei biscottini di Natale ­risale a tempi ben più remoti. A quanto pare, molto prima della nascita di Gesù, i germani e i celti si ingraziavano gli dei in occasione del solstizio d’inverno preparando focacce di frumento tritato e miele. Nel medioevo, per Natale i conventi distribuivano ai poveri biscotti con spezie orientali (cannella, noce moscata, ­zenzero, cardamomo).

Tra i biscotti più amati in Svizzera, le stelle alla cannella sono forse i più antichi, come testimonia una ricetta di Coira del XVI secolo. Sempre nel Cinquecento sono nati, così sembra, i milanesini, una specialità che è forse stata importata da immigrati italiani e che oggi è il biscotto natalizio più diffuso. Certo è che nel Settecento a Basilea si usava servire vin brulé e milanesini ai propri ospiti in ­occasione dell’anno nuovo.

Un altro classico risale invece alla Guerra dei Trent’anni (1618 - 1648). Poiché ­molta gente faceva la fame, un fornaio tedesco, Johannes von Redsburg, distribuì ai bisognosi fette di pane spalmate con marmellata. Da lì è nata la ricetta dello ­Spitzbube, il doppio biscotto farcito noto in italiano ­anche come discoletto. Le creste di gallo all’anice e i brunsli sono invece invenzioni nate a Baden, Argovia,nel XVIII secolo. Le ricette e le varianti sono numerosissime, eppure i biscotti più buoni sono e restano quelli della ­propria infanzia!


Fooby

 

Discoletti al cioccolato con caramello salato


PER 35 pezzi CI VOGLIONO

  • 200 g burro, ammorbidito
  • 100 g zucchero a velo
  • 1 presa sale
  • 1 albume fresco
  • 330 g farina bianca
  • 2 c. cacao in polvere
  • 100 g zucchero
  • 3 c. acqua
  • 50 g    burro salato
  • ½ dl    panna
  • ¼ di dl    succo d’arancia
  • ¼ di c.no    fleur de sel

  • un po’ di    cacao in polvere


ECCO COME FARE

  1. Impasto: in una ciotola lavorare con la frusta dello sbattitore elettrico il burro, lo zucchero a velo, il sale e l’albume fino a ottenere un composto chiaro. Mescolare la farina e il cacao in polvere, unirli al resto e impastare velocemente fino a formare un panetto, quindi appiattirlo leggermente, coprirlo e metterlo in frigo per ca. 1  ora.
  2. Dare la forma: spianare una porzione di impasto per volta tra due fogli di carta da forno fino ad ottenere uno spessore di ca. 4  mm. Ricavare dei dischetti di ca. 5  cm di Ø l’uno e disporli su due placche fode­rate con carta da forno. Con un coppapasta ricavare dalla metà dei dischetti una stellina di ca. 1  cm di Ø e mettere in frigo per ca. 30  minuti.
  3. In forno: cuocere una placca per volta per ca. 10  min. nella parte centrale del ­forno preriscaldato a 180  °C. Togliere dal forno, lasciar intiepidire e far raffreddare su una griglia.  
  4. Caramello: in un pentolino capiente portare a bollore lo zucchero e l’acqua ­senza mescolare. Abbassare il fuoco e far sobbollire facendo oscillare il pentolino avanti e indietro fino a ottenere un caramello color nocciola. Toglierlo dal fuoco, unire il burro, farlo sciogliere e mescolare. Unire la panna e il succo d’arancia, cuocere a fuoco lento mescolando finché il cara­mello si è ben amalgamato, far addensare per ca. 5  min., quindi salare e lasciar intiepidire.
  5. Discoletti: spalmare sui fondi di biscotto il ripieno al caramello. Spolverizzare con il cacao in polvere i dischetti con la stella ­ritagliata al centro e appoggiarli sui fondi.
    Suggerimento: conservare i biscotti in un barattolo ben chiuso e consumarli dopo un giorno. 

Conservabilità: ca. 2 settimane

 

Questa e altre ricette su fooby.ch

Questo contributo è un paid post del nostro cliente. I paid post sono quindi pubblicità e non contenuto redazionale.

Con FOOBY, la piattaforma culinaria di Coop, vogliamo condividere con te il fantastico mondo della cucina, del mangiare e dei piaceri della tavola. Non importa se cucini per passione o se pensi di essere una schiappa tra i fornelli: qui trovi un’infinità di ricette (ben organizzate in categorie), know how sul cibo, istruzioni di cottura, video esplicativi e ispirazioni à gogo. In più, molte storie appassionanti che raccontano di persone che amano il cibo così come lo amiamo noi.
Prenditi il tempo per guardarti attorno e scopri l’appetitoso mondo di FOOBY.

Fooby
Ingrandisci l'immagine

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-22 04:35:50 | 91.208.130.86