Fooby
Paidpost
08.09.2020 - 15:120

Gossip in barattolo

La bella stagione volge al termine, non perdiamo l’occasione di conservare i profumi sotto forma di marmellata

Marmellata, il suo nome è tanto zuccherino quanto colmo di ­racconti. La star delle colazioni dolci e delle crostate ha un passato avventuroso e, in una delle versioni più gossip, si intreccia con la ­Corona inglese. Si narra, infatti, che Caterina d’Aragona, regina d’Inghilterra dal 1509 al 1533, abbia inventato marmellata d’arance. Pare che la prima moglie di Enrico VIII (colui che scatenò un putiferio nella Chiesa cattolica romana perché lasciò Caterina e si risposò con una certa Anna Bolena) soffrisse di nostalgia per la sua terra – o ­magari di solitudine, visto l’attitudine del marito. Ad ogni modo, la regina era ­originaria di un paesino vicino a Madrid e portò alla corte inglese un po’ del sole e del calore della sua amata Spagna, tanto ricca di agrumi profumati, grazie alla marmellata. 


Fooby

Vero oppure no, secondo il vocabolario moderno la parola «marmellata» è riservata alle conserve di zucchero e agrumi, mentre quelle a base di ­fragole, fichi, ecc. prendono il nome di confetture. A discolpa di coloro che ­chiamano marmellata qualsiasi vasetto di frutta cotta c’è l’etimologia. Secondo gli ­storici la parola discende da «marmelada»: in portoghese è la gelatina di «marmelo», mela cotogna… Un frutto per nulla imparentato con limoni e mandarini. Chi ha ragione, scagli il primo barattolo.


Fooby

Confettura di fragole, ­lamponi e salvia

Per 4 bicchieri ci vogliono

  • 500 g di fragole, a pezzi
  • 500 g di lamponi
  • 400 g di zucchero gelificante (Coop)
  • 1 imetta, sciacquata sotto l’acqua calda e asciugata, la scorza grattugiata e 2 c. di succo
  • 3 c. di salvia, tagliata finemente

Per 4 bicchieri da ca. 2 dl e ½ l’uno


Ecco come fare

In una pentola capiente mescolare le fragole, i lamponi, lo zucchero, il succo e la scorza di ­limetta e la salvia, portare a ebollizione e far cuocere a fuoco vivo per ca. 4 min. mescolando. Frullare e portare nuovamente a bollore. ­Versare la confettura ancora bollente nei ­vasetti puliti e preriscaldati fin quasi al bordo e ­chiuderli immediatamente. 
Capovolgere ­brevemente i vasetti e lasciarli raffreddare su una superficie isolante.

Conservabilità: conservare al buio e al fresco per ca. 6 mesi. Una volta aperta, conservare in frigo e consumarla rapidamente.

Fooby
Guarda le 2 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-01 09:44:35 | 91.208.130.87