CANTONE
05.03.2015 - 10:180
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

La sicurezza non è una scelta, ma un bisogno

Gianmaria Frapolli, economista, candidato N. 35 al Gran Consiglio Lega dei Ticinesi

Vorrei portare una breve riflessione sulla sicurezza, il terzo di sei temi che fanno parte della mia campagna elettorale.

In Ticino, purtroppo, nonostante l’enorme lavoro che debbono sobbarcarsi quotidianamente le forze dell’ordine, ci sono gravi problemi legati alla sicurezza ed alla criminalità. I media riportano spesso notizie che evidenziano casi di violenza, furti con scasso, vandalismi, rapine, traffico di droga, truffe ecc.

Tutto questo ovviamente minaccia, in modo più o meno grave, la vita quotidiana di ogni cittadino. Ad esempio ci sono persone nelle zone di confine che tendono a vivere in casa per paura di essere derubati. Oggi, infatti, la situazione è cambiata in peggio: una volta ci trovavamo ad esempio confrontati al rischio di furto quando ci si trovava in vacanza e la casa era vuota. Un enorme fastidio ma un reato che ledeva, per cosi dire, “solo” il patrimonio. Oggi le bande organizzate di ladri entrano nelle nostre abitazioni, anche in pieno giorno, ti legano, ti derubano, e se ne vanno. Questo tipo di reato intacca dei beni molto più sensibili e delicati: l’integrità fisica e psichica di una persona, della sua famiglia, insomma tutto quanto abbiamo di più caro.

Per questo motivo dobbiamo agire con azioni concrete, come ad esempio:

Aumentare il presidio sul territorio da parte della Polizia Cantonale (L’On. Gobbi con il Comandate della Polizia Cocchi stanno facendo un lavoro molto importante per regionalizzare le forze dell’ordine e adeguarne gli effettivi, oltre a migliorare la coordinazione e la messa in atto di operazioni congiunte con gli altri partner della sicurezza presenti in Ticino);

La chiusura notturna dei valichi secondari;

Rafforzamento della presenza delle guardie di confine ai valichi con l’Italia;

Inasprimento delle pene per reati contro l’integrità fisica delle persone.

Tutte misure che il sottoscritto, con la Lega dei Ticinesi, vuole cercare di concretizzare in modo deciso. Non possiamo permettere che i nostri cittadini vivano nella paura, ma dobbiamo dar loro delle garanzie affinché possano sentirsi tranquilli e sicuri, dentro e fuori casa. Troppo spesso il ruolo della polizia viene ridotto ai soli controlli radar e ad alcuni casi bagatella che fanno notizia. Non dimentichiamoci però che gli agenti di polizia sono lo scudo della nostra protezione ed è opportuno che venga portato loro il dovuto rispetto per il ruolo che rappresentano.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 20:53:55 | 91.208.130.85