Keystone
ULTIME NOTIZIE Agenda
CHIASSO
3 gior
Palamania Back to the Future... torna nel 2021
L'evento, previsto per il prossimo ottobre, è rinviato a causa della situazione provocata dal coronavirus
CANTONE
4 gior
Torna Ticino Musica: si parte il 18 luglio
Inaugurazione in Piazza Manzoni con il Trio Bellevue
LOCARNO
4 gior
Locarno Kids, per piccoli aspiranti animatori
A dare il via al progetto sarà Claude Barras, l'autore di "Ma vie de Courgette"
LUGANO
4 gior
Si accende l'estate al LAC
Si parte sabato 11 luglio
MENDRISIO
5 gior
"La Soleggiata" rianima le Cave di Arzo
Il garden bar sarà accessibile tutti i giovedì, i venerdì e le domeniche dal 16 luglio al 9 agosto
LUGANO
6 gior
Questa sera al Ciani incontro con Andrea Fazioli
A partire dalle 18 per gli incontri con gli scrittori del Longlake, per l'occasione presenterà il suo nuovo libro
ASCONA
1 sett
Jazz Ascona, la colletta ha fruttato quasi 5'000 franchi
Successo anche per l'evento andato in scena lo scorso weekend
LOCARNO
1 sett
Quattro serate di "Magic Blues summer concert 2020"
L'appuntamento è per il 17 e 18 luglio e 14 e 15 agosto
BELLINZONA
1 sett
Al Teatro Sociale porte aperte per tutta l'estate
Un occasione per ammirarlo, e apprezzarne la bellezza, con un'illuminazione ad hoc
CHIASSO
1 sett
Il maltempo fa slittare "Alfonsina y el mar"
Rinviato al 4 luglio lo spettacolo con Amanda Sandrelli e il duo Bandini-Chiacchiaretta
ASCONA
1 sett
Tre serate per tornare a vivere l’estate con Jammin’ for New Orleans
Si comincia questo giovedì a partire dal tardo pomeriggio. Una cinquantina i concerti in programma
CANTONE
07.12.2018 - 06:000

Migrazione, riflessioni e dibattito

Sabato 8 dicembre dalle 15.30 alle 23 il Cinema Lux art house di Massagno torna a ospitare l'associazione Harraga per una giornata di riflessione e dibattito sui temi della migrazione

MASSAGNO - Anche quest’anno l’associazione Gruppo Harraga promuove una giornata di riflessione e dibattito sui temi della migrazione; “Harraga – Vite in fuga” sarà ospite del Cinema LUX art house di Massagno, sabato 8 dicembre dalle 15.30 alle 23.00.

Per questa edizione, l’evento volgerà lo sguardo ai confini, come luogo di frontiera ma anche come confine metaforico, luoghi di passaggio per persone in cerca di nuove speranze, che spesso diventa permanenza; luoghi in cui la vita e la morte si incontrano e si mischiano, in cui chi fugge si scontra con le politiche di immigrazione.

Al centro della giornata dell’8 dicembre il dibattito avrà come fil rouge il tema “Vita e morte sui confini”, moderato dal giornalista Lorenzo Erroi, che dialogherà con ospiti attivi nell’ambito del diritto umanitario, delle politiche migratorie e del sostegno ai migranti. Interverranno Elly Schlein - europarlamentare -, Stefano Ferrari - regista -, Gabriela Giuria - giurista e attivista per i diritti umani - e  Benedetta Collini - membro SAR dell’ONG SOS Mediterranee -.

A conclusione del dibattito ci sarà un ricco buffet presso il Salone Cosmo di Massagno (a due passi dal Cinema Lux art house), organizzato dall’associazione Firdaus (prenotazioni: harraga.ticino@gmail.com)

Nel corso della giornata saranno proiettati due documentari e due cortometraggi che trattano l'esperienza migratoria da diversi punti di vista, rivolgendo l’attenzione ai protagonisti e alle loro storie.

Aprirà l’evento il documentario "Sotto lo stesso cielo" di Stefano Ferrari e Gerardo Wuthier. La pellicola racconta la quotidianità degli ultimi giorni della tendopoli di Idomeni, in Grecia, dove 10mila anime in fuga, si ritrovano bloccate al confine con la Macedonia, nel 2016.

Si proseguirà con due cortometraggi: “Hamama & Caluna” di Andreas Muggli – che si concentra sulla storia di due giovani migranti che tentano di attraversare le Alpi - e “Mum, I’m Sorry” di Martina Melilli, che porta a galla ciò che rimane delle tante vite spezzate nel tentativo di attraversare il Mediterraneo.

Concluderà la giornata la proiezione di “Iuventa” di Michele Cinque. Lungometraggio che mette in scena la storia dell’equipaggio della nave dedita al salvataggio dei migranti nel Mediterraneo, bloccata poi da un sequestro nell’agosto del 2017 che ha interrotto forzatamente l’azione umanitaria.

«Dopo la recente estate scandita dall’espressione “porti chiusi”, abbiamo deciso di dedicare una giornata di approfondimento e riflessione sulla situazione attuale delle politiche europee, sui racconti di coloro che, con la loro azione umanitaria, si occupano di salvataggi in mare o danno sostengo legale alle troppe persone respinte ai confini, sempre più spesso ostacolati nella loro azione. La chiusura delle frontiere si fa sempre più forte e la retorica della paura e dell’emergenza sempre più pressante», sottolineano le organizzatrici dell’evento.

L’associazione Gruppo Harraga è un collettivo di donne unitosi con l’idea di parlare di movimenti migratori da un’altra prospettiva, mettendo le persone al centro e dando un’immagine umana ai flussi di persone che si muovono in cerca di una vita migliore, con l’obiettivo di rovesciare quella visione povera di solidarietà e piena di odio. Paura e chiusura sono caratteristiche delle politiche migratorie, l’associazione sostiene la libera circolazione e il diritto di fuga di donne e uomini.

Harraga, dal termine arabo dialettale ḥarrāqa - coloro che bruciano (le frontiere) -, così si autodefiniscono gli immigrati dei Paesi arabofoni del nord Africa. Una delle interpretazioni è che se arrestati, bruciano i propri documenti perdendo di fatto l'identità. In tale modo diventa difficile, se non impossibile, dal punto di vista legale, respingerli verso le terre di origine.

Info: harraga.ticino@gmail.com ; Facebook: Gruppo Harraga

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-14 03:44:11 | 91.208.130.86