Foto Amira Al-Sharif
"Love Song to Socotra Island"
ULTIME NOTIZIE Agenda
CANTONE
1 gior
Una raccolta di corti svizzeri a tema isolamento e coronavirus
È il progetto svizzero "Lockdown Collection" al quale hanno partecipato anche diversi registi ticinesi
CANTONE
2 gior
Dalla storia del cinema fino alle piattaforme streaming con Heritage Online
Una piattaforma per i professionisti del settore con una nobile missione quella presentata oggi da Locarno Pro
BELLINZONA
2 gior
Il Teatro Sociale riparte il 6 giugno con "Il fondo del sacco"
Nel giorno della riapertura dei teatri in tutta la Svizzera ci sarà una rappresentazione straordinaria gratuita
CANTONE
3 gior
I Vip ticinesi leggono ad alta voce
Dalle 10 via con i video in italiano sul sito web ufficiale
CANTONE
4 gior
Il Pardo partecipa al festival We Are One con i suoi assi dell'edizione 2019
L'evento globale, che si terrà esclusivamente via YouTube trasmetterà alcuni degli incontri top dell'anno scorso
LUGANO
4 gior
Anche il concerto di Paolo Conte slitta al 2021
Doveva tenersi questo 25 giugno in Piazza Riforma, la data definitiva è ancora da stabilirsi
CANTONE
1 sett
12 voci note per la Giornata della lettura ad alta voce
Il 27 maggio non perdetevi i video di Christa Rigozzi, Rosy Nervi, Elias Bertini e altri ancora
CANTONE
1 sett
Da Pupo ai PanPers: se ne riparla nel 2021
Un anno di attesa in più anche per sentire i Jethro Tull al Palazzo dei Congressi di Lugano
CANTONE
2 sett
Jethro Tull a Lugano, l'appuntamento slitta al 2021
Il rinvio del concerto è legato alle misure per l'emergenza coronavirus
BELLINZONA
2 sett
Riapre la biglietteria del Teatro Sociale
Ecco l'elenco degli spettacoli annullati o riprogrammati a causa dell'emergenza coronavirus
CANTONE
13.12.2017 - 12:000

La Siria e lo Yemen visti attraverso l'arte

Allestita dall'associazione Senso in Arte, da giovedì 14 dicembre 2017 a lunedì 30 aprile 2018 l'Ospedale Regionale di Locarno La Carità ospiterà la mostra "Con altri occhi"

LOCARNO - "Con altri occhi, la Siria e lo Yemen attraverso l’arte" apre uno spiraglio sulla realtà odierna di due Paesi lontani, una finestra attraverso cui guardare con gli occhi dell’arte contemporanea.

Nel nostro immaginario collettivo questi due Paesi sono principalmente associati alla guerra, alla distruzione e alla fuga. Se da un lato il conflitto siriano occupa i quotidiani da ormai sei anni, dall'altro le notizie concernenti lo Yemen, in guerra da due anni, sono sporadiche. In entrambi i casi però i giornalisti riportano costellazioni geopolitiche complesse, raccontano la crudeltà della guerra e le conseguenze catastrofiche sotto le quali le popolazioni civili soffrono.

Senza dimenticare la situazione terribile che grava su questi due Paesi, l’esposizione vuole offrire uno sguardo alternativo, personale e narrativo sulla popolazione siriana e yemenita.

Cosa vogliono raccontarci i Siriani e gli Yemeniti? Quali sono le loro storie? Che posizioni assumono di fronte alla violenza e alla crisi umanitaria che colpisce i loro Paesi di origine? Che cosa vogliono mostrarci? In questa esposizione collettiva è grazie alle opere di quattro artisti di origine siriana e yemenita che possiamo cercare una risposta a queste domande: avvicinandoci alla loro prospettiva individuale sulla vita, sul mondo, sulla società, sulle guerre e sulla natura umana.

L’esposizione propone così di guardare “con altri occhi”. Il nuovo sguardo è stabilito attraverso l’arte, permettendo di scoprire storie personali e profondamente umane in grado di superare le differenze culturali e contestuali. Nella loro arte i quattro artisti coprono insieme un ampio ventaglio di temi, tecniche e stili artistici; ci prestano così i loro occhi per offrirci altre visioni.

"Con altri occhi" vuole inoltre essere uno spazio d’incontro, d'integrazione, di scambio interculturale e intergenerazionale aperto gratuitamente a un pubblico ampio e variegato. Riproporre la mostra in Ticino permette di proseguire un percorso iniziato ad aprile 2017 con la mostra a Friburgo intitolata "Un autre regard".

Gli artisti

Salam Ahmad

Pittore siriano nato ad Afrin in Siria nel 1970. Attraverso i suoi personaggi solenni e l’intensità dei colori, racconta sentimenti profondamente umani, un lavoro introspettivo e pieno di speranza in cui tutti siamo invitati ad immedesimarci. Salam Ahmad vive ad Olten come rifugiato dal 2014.

Amira Al-Sharif

La giovane fotografa yemenita immortala la bellezza della sua cultura e del suo popolo attraverso scatti di storie di vita quotidiana. Proponendo un’alternativa alle immagini, secondo lei violente e orientaliste diffuse dai media, Amira Al-Sharif, nata in Arabia Saudita e cresciuta in Yemen, sfida coraggiosamente tutta una serie di stereotipi, come dimostra per esempio il progetto Yemeni Women with Fighting Spirits.

Rania Moudaress

La pittrice siriana, nata a Damasco nel 1981, esplora nella sua pittura delicata il legame tra il cosciente e l’incosciente, tradotto in quello che per lei è l’essenza stessa della natura: la femminilità. Rania Moudarres vive oggi in Portogallo e intraprende ancora viaggi in Siria. 

Murad Subay

Murad Subay, uno street-artist e pittore yemenita nato a Damar nel 1987, denuncia le numerose conseguenze drammatiche del conflitto armato nelle sue pitture murali dai colori sgargianti e dalle forme nette. L’artista vive e lavora a Sana’a.

Il vernissage è in programma giovedì 14 dicembre alle 18.30.

Info: sensoinarte.ch

 

 

 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-30 20:08:04 | 91.208.130.86