mobile report Segnala alla redazione
FUORI PORTA
06.09.2012 - 07:000

De Gregori torna alle radici con il suo "vola vola vola"

Lunedì 10 settembre approderà al Teatro degli Arcimboldi Francesco de Gregori

MILANO. Non un concerto canonico ma un vero e proprio show musicale con il quale, colui che è definito “il principe” dei cantautori, torna alle origini e propone brani della tradizione popolare accompagnato da talentuosi artisti. Con lui sul palco ci saranno, infatti, Ambrogio Sparagna, l’alfiere del nuovo folk italiano e co-ideatore del progetto, l’Orchestra Popolare Italiana ed il Coro Popolare, composto da circa cento elementi e diretto da Anna Rita Colainni.

Molti dei brani del cantautore romano, soprattutto quelli meno conosciuti, verranno reinterpretati e rieseguiti in chiave popolare e con l’utilizzo di strumenti tipici della tradizione come zampogne, organetti e chitarre battenti. De Gregori ha scelto, tra gli altri, di inserire in scaletta “La ragazza e la miniera”, “La donna cannone”, “Terra e acqua” “Titanic” “Bufalo Bill” e molti dei brani più significativi della sua carriera.

Grande spazio sarà dedicato, come prevedibile, al repertorio romano mentre, a completare il suggestivo quadro musicale, il cantautore ed i suoi compagni di viaggio interpreteranno brani popolari in diverse lingue e dialetti, compresi alcuni versi tratti dalla Divina Commedia e tradotti in griko. Dopo quarant’anni di straordinari successi, ottenuti grazie al suo talento come autore di testi di ispirazione intimista e poetico-letteraria, De Gregori torna alla sua vecchia passione, la musica popolare e tradizionale, e regala al pubblico uno spettacolo di oltre due ore, ricco di magia, calore e qualità musicale.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-02-19 00:23:43 | 91.208.130.86