ASCONA
20.08.2014 - 12:000

Il meglio della musica classica mondiale ad Ascona

Le Settimane Musicali entrano nel vivo dal 28 agosto al 10 ottobre con 15 appuntamenti di assoluto prestigio

ASCONA - Dopo l’applauditissima anteprima al Festival del film Locarno, con la proiezione di Tempi Moderni di Charlie Chaplin musicata dall’Orchestra della Svizzera italiana, le Settimane Musicali di Ascona entrano nel vivo dal 28 agosto al 10 ottobre con 15 appuntamenti di assoluto prestigio.

 

Seguendo il filo rosso delle sinfonie di Brahms, dei concerti per pianoforte di Beethoven e di quelli strumentali di Shostakovich, la 69 edizione ospiterà alcuni fra i più acclamati e premiati protagonisti della musica classica di oggi, fra cui diverse formazioni nominate negli ultimi anni ai Grammy Awards. Fra i grandi nomi in cartellone: i pianisti Krystian Zimerman, Till Fellner ed Elisabeth Leonskaja, il violinista Frank Peter Zimmermann ed orchestre del calibro della Budapest Festival Orchestra o della Royal Philharmonic diretta da Charles Dutoit. Due concerti il sabato mattina vedranno protagonisti giovani e affermati talenti. E fra tante stelle, brilleranno anche parecchi musicisti del Ticino…

 

Non ha una sala da concerti come Lucerna e come presto avrà Lugano. Ma con i suoi 69 anni è la più antica manifestazione culturale del Canton Ticino. E una delle più prestigiose. Ascona, dal 1946 in poi, ha ospitato i migliori solisti, e molte fra le orchestre e i maestri più acclamati. E anche il festival 2014 si conferma, decisamente, all’altezza della sua prestigiosa storia.

 

Se nel suo primo anno di direzione artistica Francesco Piemontesi ha presentato un cartellone tutto rivolto all’innovazione e proteso a scandagliare territori musicali un po’ inconsueti per il pubblico di Ascona (il genere dei Lied, ad esempio), la 69. edizione segna la volontà di “far avanzare di pari passo innovazione e tradizione”.

 

Il programma 2014 propone nelle suggestive chiese di San Francesco a Locarno e del Collegio Papio di Ascona un’articolata serie di 15 concerti – essenzialmente musica sinfonica, da camera e recital di pianoforte - proponendo una straordinaria carrellata su capolavori, grandi classici e opere meno conosciute, ma non meno interessanti, del periodo compreso fra Sei e Novecento di autori come Vivaldi, Bach, Giuseppe Sammartini, Haydn, Mozart (proposto in diversi concerti), von Weber, Schubert, Tchaikowsk,i, Schumann, Dvorak, Sibelius, ma anche, Schönberg, Bartok, Prokoviev, per citarne alcuni.

 

L’edizione di quest’anno avrà comunque come filo conduttore opere che hanno avuto un grande impatto dal profilo musicale, ossia, l´integrale delle Sinfonie di Johannes Brahms (1833-1897), veri e propri capisaldi della letteratura sinfonica che furono analizzate e prese a modello persino da compositori che percorsero strade musicali lontane dalla tonalità classica come Arnold Schönberg, nonché due cicli fondamentali nella storia della musica: i Concerti per pianoforte di Ludwig van Beethoven (1770-1827), che ebbero un’influenza decisiva sulle generazioni di compositori a venire, ed i Concerti strumentali di Shostakovich (1906 -1975), compositore russo che conta fra i più grandi musicisti del XX secolo. Questi due ultimi cicli saranno portati a termine nell'edizione 2015.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-03-26 10:30:38 | 91.208.130.86